Claudio Marchisio è tornato a raccontare il suo punto di vista attorno aduno dei più spigolosi problemi attuali nel calcio italiano, la partita mai disputata tra Juventus e Napoli domenica sera. Gli azzurri non sono partita alla volta di Torino perché in isolamento fiduciario, la Federcalcio non ha sospeso l'incontro e si va verso la sanzione disciplinare del Giudice Sportivo che prevede il 3-0 a tavolino e un punto di penalizzazione in classifica.Su questo argomento, l'ex centrocampista della nazionale e della Juventus ha espresso la propria opinione, aprendo un novo dibattito.

"Vi soffermate su #JuventusNapoli ma quello che è successo fa capire una volta di più, grazie al calcio che fa notizia, che tutto non sta funzionando. Quanti problemi di questo genere possiamo vederlo nel nostro paese in ogni settore???". Con questo tweet, Claudio Marchisio lancia la pietra nello stagno e non nasconde la mano. Perché il problema legato al singolo episodio che tanto fa discutere possa diventare campanello d'allarme su quanto sta avvenendo nel mondo, oggi, al di là del semplice contesto calcistico.

Un tema caro per l'ex centrocampista, oggi stimato opinionista e commentatore televisivo, senza scelte di ‘partito': pur confermando la propria fede bianconera, infatti, Marchisio prova ad andare oltre nel dibattito apertosi sul caso Juve-Napoli anche con latri pensieri espressi sui social: "Che si risolva bene e in fretta. Non solo per #JuventusNapoli ma per tutto il sistema, per lo sport in generale che deve sempre preservare la massima trasparenza e dare esempio a un mondo che tanti amano nel profondo, con passione, ma che ormai tanti lo vivono solo con rivalità". 

Per Marchisio, dunque, il discorso deve andare oltre le mere regole sportive, le direttive scritte, ampliando la propria visione: "Vero. C'È UN PROTOCOLLO. Ma voi vi state rendendo conto di cosa stiamo scrivendo, leggendo e poi pensando a tutto quello che è legato a una partita. Io parlo di altro. Non di tifosi del Napoli o della juve, di società o una partita non giocata. Stiamo sbagliando TUTTI."

Pensieri che però hanno urtato gran parte degli utenti, anche di fede bianconera che ‘pretendevano' da parte di una ex bandiera, una difesa a spada tratta della propria squadra, dei propri tifosi, nella più classica delle rivalità calcistiche. Tanto da indurre Marchisio a dover ripondere per iscritto alle illazioni di diversi tifosi: "Accetto tutto, è normale e fa parte del gioco anche se preferisco sempre i confronti agli affronti. Ma che nessuno si permetta mai di dire che non sono un tifoso della @juventusfc"