18.999 CONDIVISIONI
12 Luglio 2021
1:16

L’Italia celebra Gianluca Vialli, leader dello spogliatoio: “Per noi un esempio vivente”

Il capo delegazione Gianluca Vialli ha avuto un ruolo fondamentale nella vittoria degli Europei della Nazionale azzurra. L’ex bomber ha lavorato nell’ombra, aiutando il gemello Mancini a plasmare un gruppo eccezionale come confermato dalle parole di Alessandro Florenzi dopo il trionfo sull’Inghilterra.
A cura di Marco Beltrami
18.999 CONDIVISIONI

Il segreto dell'Italia campione d'Europa? Sicuramente il gruppo. Giocatori, staff tecnico, addetti ai lavori hanno creato un'alchimia unica che ha fatto la differenza. A farne le spese anche l'Inghilterra che si è arresa ai rigori. Una figura fondamentale della rappresentativa azzurra, è stata sicuramente quella del capo delegazione Gianluca Vialli. L'ex bomber, gemello del Ct Mancini, ha indicato la rotta da seguire ai giocatori italiani, con la sua esperienza in campo e fuori.

Gianluca Vialli è stato fondamentale per l'Italia e non solo per il rito scaramantico di cui si è reso protagonista in occasione di ogni partenza da Coverciano. L'ex centravanti e capo delegazione, ha avuto un ruolo chiave dietro le quinte del gruppo capace di salire sul tetto d'Europa. La conferma è arrivata nel post-partita dalle parole di Alessandro Florenzi: "È importante che tutti lo sappiano. Noi abbiamo un esempio che ci dimostra ogni giorno come si deve vivere, come ci si deve comportare, in qualsiasi ambiente, in qualsiasi situazione. Ed è Gianluca Vialli".

Quando indossava gli scarpini da calcio, Gianluca Vialli era un vero e proprio trascinatore. Un ruolo ricoperto anche nelle vesti di capo delegazione azzurra, al fianco del compagno di tante battaglie e amico Roberto Mancini. L'ex bomber che si è dimostrato un guerriero capace di lottare come un leone contro la malattia, ha fatto un lavoro eccezionale. E il tutto in silenzio, senza voler rubare la scena ai protagonisti in campo di questa impresa, come confermato dalle parole di Florenzi: "Voglio dirgli che per noi è speciale. Lui per noi è davvero un esempio vivente. Mi odierà, ma se lo merita".

18.999 CONDIVISIONI
Mancini e la lezione degli Europei: "Gli inglesi si erano già tatuati la Coppa..."
Mancini e la lezione degli Europei: "Gli inglesi si erano già tatuati la Coppa..."
Spinazzola corre verso il recupero dopo l'infortunio: "Vai Leo, stiamo tornando!"
Spinazzola corre verso il recupero dopo l'infortunio: "Vai Leo, stiamo tornando!"
Spinazzola accelera il suo rientro in campo dopo l'infortunio: "Stiamo tornando"
Spinazzola accelera il suo rientro in campo dopo l'infortunio: "Stiamo tornando"
124 di MatSpa
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni