Tra le tante ‘disgrazie' che stanno affliggendo il mondo nerazzurro c'è chi prova a vedere il lato positivo di una situazione altrimenti sull'orlo di una crisi di nervi. Il fatto che l'Inter possa confrontarsi contro la Juventus, in casa dei bianconeri, in uno stadio vuoto. Non ci sarà per gli uomini di Maurizio Sarri "l'effetto tifosi", all'interno di un Allianz Stadium che, quando è tutto esaurito permette ai padroni di casa di trovare stimoli e spinte importanti. E in vista del ‘Derby d'Italia' con la tanto sportivamente odiata Inter avrebbe richiamato il classico ‘sold out‘.

Quando si gioca Juventus-Inter

Stando alle ultime disposizioni varate dalla Lega Calcio con il nuovo calendario costruito attorno all'ultimo decreto del Governo, la partitissima Juventus-Inter è stata inserita in calendario domenica 8 marzo, come posticipo serale, alle 20.45. Dunque, fra una manciata di giorni, dopo un lunghissimo e snervante tira e molla che ha portato a momenti anche di altissima tensione. Il tutto, ovviamente, a porte chiuse il che rappresenta un piccolo ‘vantaggio' per i nerazzurri che non troveranno un clima caldissimo ma una atmosfera surreale che potrebbe incidere psicologicamente sulla Juventus.

Perché a porte chiuse

Ovviamente, l'assenza dei tifosi al seguito dei bianconeri è un elemento non di secondaria importanza, soprattutto in questo momento in cui la formazione di Sarri non appare al cento per cento, La sconfitta di Lione – ultima gara disputata dai bianconeri – ha lasciato il segno e il pensiero di dover affrontare l'Inter in uno stadio ‘neutro' non agevolerà il compito di risollevarsi. Il decreto del Governo ha infatti imposto fino al prossimo 3 aprile tutte le gare a porte chiuse. Una situazione che la Juventus dovrà affrontare anche per il match di ritorno di Champions League contro il Lione.

Il calendario dell'Inter

Giocare la partita contro la Juventus il prossimo 8 marzo è una ‘piccola' vittoria per l'Inter che non vede la sfida che potrebbe valere parte della corsa scudetto posticipata a maggio, proprio nel momento in cui i nerazzurri avrebbero avuto seria difficoltà con un calendario già oltremodo occupato da altre gare. I nerazzurri infatti, oltre alla partita con la Juventus, devono anche recuperare la semifinale di ritorno di Coppa Italia contro il Napoli ma soprattutto la gara contro la Sampdoria, a Genova, la cui data non è ancora stata resa disponibile.