Quindici rigore a favore dopo 28 giornate in un campionato di Serie A. La rete del momentaneo pareggio siglata da Ciro Immobile avviene dal dischetto, l'ennesimo tiro dagli undici metri che permette di eguagliare il record di penalty ricevuti in un campionato: il primato apparteneva – almeno fino alla rete del bomber di Torre Annunziata – al Milan e risaliva alla stagione 2002/2003. Furono proprio 15 le conclusioni dagli undici metri in quella stagione.

Il fallo di Dragowski su Caicedo (definito molto "furbo" nel cercare il contatto con il portiere della Fiorentina) ha aggiunto un altro tassello del dato statistico che annovera ben 12 trasformazioni andate a buon fine rispetto alle 15 complessive con una percentuale dell'80% circa (3 i tiri dal dischetto falliti). Lo scorso anno fu la Sampdoria a beneficiare del maggior numero di rigori (11, 9 trasformati) mentre la formazione di Inzaghi può ancora aggiornare i numeri degli almanacchi in questo campionato.

La classifica dei rigori a favore in Serie A

Detto della Lazio, quali sono le altre squadre che hanno ricevuto il maggior numero di rigori a favore? Nella speciale classifica sul podio ci sono due formazioni che sono attualmente impegnate nella lotta per non retrocedere. Si tratta del Genoa e del Lecce: il Grifone ne ha ottenuto 13 e realizzati 10; i pugliesi hanno beneficiato di 10 tiri dal dischetto ma ne hanno realizzati 8. Ai piedi del podio quanto a numero di massime punizioni ricevute c'è la Juventus (10), seguita da Roma, Atalanta, Sampdoria e Inter. Nessuno invece per l'Udinese.

  • Rigori a favore ricevuti e realizzati Lazio 15 (12); Genoa 13 (10); Lecce 10 (8); Juventus 10 (10); Roma 9 (7); Atalanta 8 (6); Sampdoria 8 (7); Inter 8 (8); Spal 7 (5); Fiorentina 6 (5); Verona 6 (5); Torino 6 (5); Cagliari 6 (4); Bologna 5 (4); Milan 4 (4); Brescia 3 (3); Sassuolo 3 (2); Parma 2 (0); Napoli 3 (3); Udinese 0
  • Quali sono le squadre che non hanno sbagliato un rigore in stagione? Percentuale realizzativa del 100% per Juventus, Inter, Milan, Napoli e Brescia.