1.120 CONDIVISIONI

La frustrazione di Cristiano Ronaldo in Arabia Saudita: litiga con un’intera squadra e se ne va

CR7 era visibilmente contrariato per non aver battuto l’Al Feiha. Ce l’ha con gli avversari per un motivo e lo urla prima di abbandonare il campo in maniera plateale.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Sport Fanpage.it
A cura di Maurizio De Santis
1.120 CONDIVISIONI
CR7 visibilmente contrariato al momento dell'uscita dal campo.
CR7 visibilmente contrariato al momento dell'uscita dal campo.

Cristiano Ronaldo l'ha presa malissimo. Il pareggio per 0-0 dell'Al-Nassr contro l'Al Feiha lascia la sua squadra al secondo posto in classifica, a comandare il campionato saudita con un vantaggio di +3 è l‘Al-Ittihad. CR7 è visibilmente contrariato, ce l'ha con gli avversari che, a suo dire, avrebbero adottato un atteggiamento ostruzionistico inaccettabile. "Non vuoi giocare! Non vuoi giocare!", ha urlato al momento di lasciare il campo al termine della partita accompagnando quelle parole di disapprovazione con gesti plateali.

Il campione portoghese vuole vincere sempre, essere protagonista e quando non ci riesce il cambio di umore è repentino. Non è certo la prima che si abbandona ad atteggiamenti del genere, in nazionale è arrivato perfino a lanciare per terra e scalciare la fascia di capitano tale era il disappunto per la sconfitta. E più di recente, in occasione del ko nello scontro diretto del 9 marzo scorso, sfogò tutta la propria frustrazione per aver fallito la possibilità di fare il ribaltone in graduatoria.

A rendere più amaro l'esito del match è anche un altro particolare che lo riguarda personalmente: ha avuto buone occasioni per segnare ma non le ha sfruttate. Facile facile immaginare quale fosse il livello di delusione di CR7.

Un video di pochi secondi mostra cosa è successo al triplice fischio. Da un lato c'è il tecnico, Rudi Garcia (ex Roma, che torna verso la panchina, raccoglie le proprie cose poi va a stringere la mano agli avversari prima di rientrare nello spogliatoio. Dall'altro le telecamere si soffermano sul battibecco tra l'ex Manchester United e alcuni avversari.

Tutta la frustrazione di CR7 per la mancata vittoria contro l'Al Feiha.
Tutta la frustrazione di CR7 per la mancata vittoria contro l'Al Feiha.

Ce n'è uno che si avvicina a lui, gli mette una mano sul braccio in maniera bonaria, lo invita alla calma ma è tutto inutile. Ronaldo ormai è un fiume in piena, deborda e rompe gli argini: si volta verso qualcuno alle spalle e lo manda a quel paese in maniera plateale, come si evince dalla postura e dalla mimica. CR7 fa ancora qualche passo, è furibondo poi qualcuno deve replicargli qualcosa di sgradito. È in quel momento che si volta e completa l'opera invitando la persona a tacere, cucire la bocca.

Può ancora farcela a lottare per il titolo della Saudi Pro League? La matematica rende tutto possibile poiché alla fine del campionato mancano sette giornate. Quanto a Cristiano Ronaldo, nonostante sia rimasto a secco contro l'A Feiha, è a quota 11 reti in 10 presenze con la maglia dell'Al-Nassr.

1.120 CONDIVISIONI
The Undertaker apre la partita di Cristiano Ronaldo in Arabia Saudita: lo spettacolo è tetro
The Undertaker apre la partita di Cristiano Ronaldo in Arabia Saudita: lo spettacolo è tetro
Messi mortificato in Arabia Saudita: chi lo deride non è un un tifoso qualunque
Messi mortificato in Arabia Saudita: chi lo deride non è un un tifoso qualunque
Michael esulta imitando Cristiano Ronaldo davanti a Messi in Arabia: la sua reazione
Michael esulta imitando Cristiano Ronaldo davanti a Messi in Arabia: la sua reazione
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni