514 CONDIVISIONI

Il Lecco è ufficialmente in Serie B: il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso del Perugia

Il Lecco è ufficialmente in Serie B: il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso del Perugia. I blucelesti erano stati originariamente esclusi per dei ritardi nella documentazione sullo stadio.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Sport Fanpage.it
A cura di Vito Lamorte
514 CONDIVISIONI
Immagine

Il Consiglio di Stato ha bocciato il ricorso presentato dal Perugia e confermato quanto già stabilito dal Tar del Lazio dopo i due gradi di giustizia sportiva: sarà il Lecco a disputare il campionato di Serie B 2023-2024.

I blucelesti erano stati esclusi per dei ritardi nella documentazione sullo stadio ma dopo più di due mesi di battaglie legali i lombardi del presidente Di Nunno hanno fatto valere le loro ragioni e prenderanno parte al torneo cadetto cinquant'anni dopo l'ultima volta.

Il Consiglio di Stato ha confermato la sentenza del TAR Lazio, ovvero che il Lecco ha acquisito il titolo per partecipare a campionato di Serie B solo dopo la vittoria dei play off contro il Foggia (18/6/2023) e per il club bluceleste era impossibile rispettare la scadenza del 15/6 imposta dalla FIGC per i criteri infrastrutturali (da completare entro il 20). Il club aveva subito dopo indicato lo stadio di Lecco e il 23 giugno quello di Padova, godendo della proroga oggettivamente innegabile della FIGC e rispettando così i termini e non potendo aderire alla perentorietà.

Immagine

Dopo la sentenza è arrivato il comunicato ufficiale del Lecco: "La Calcio Lecco esprime la sua profonda soddisfazione e gratitudine per l’esito positivo emerso dalla recente decisione del Consiglio di Stato riguardo alla questione in discussione. L'approvazione manifestata dalle autorità conferma la trasparenza e la coerenza del percorso intrapreso dal club, confermando il nostro impegno verso i valori del gioco leale e dell’integrità sportiva. L'entusiasmo e l’energia dei nostri tifosi sono stati un sostegno fondamentale lungo tutto il percorso, e vogliamo ringraziarli per la loro fedeltà e passione senza pari. L'unità dimostrata dalla nostra comunità ci ha guidato attraverso questa fase di sfide e incertezze, rafforzando il nostro legame con la provincia di Lecco e i suoi abitanti. Guardiamo ora al futuro con rinnovato spirito, pronti a continuare a contribuire allo sviluppo del calcio locale e nazionale. Vogliamo ribadire il nostro impegno a promuovere valori positivi attraverso lo sport, a sostenere lo sviluppo dei giovani talenti e a costruire una squadra competitiva che sia motivo di orgoglio per la nostra comunità. Siamo ansiosi di vedere cosa ci riserva il futuro e di condividere ulteriori successi insieme ai nostri tifosi, sponsor e collaboratori".

(in aggiornamento)

514 CONDIVISIONI
Morto a 50 anni Jose La Cagnina: era stato calciatore di Cremonese e Lecco
Morto a 50 anni Jose La Cagnina: era stato calciatore di Cremonese e Lecco
Manolas si emoziona davanti a un piccolo tifoso della Salernitana deluso: "Ti faccio una promessa"
Manolas si emoziona davanti a un piccolo tifoso della Salernitana deluso: "Ti faccio una promessa"
Aleandro Rosi torna a giocare a 37 anni: dopo 9 mesi da svincolato accetta la sfida in Serie C
Aleandro Rosi torna a giocare a 37 anni: dopo 9 mesi da svincolato accetta la sfida in Serie C
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views