Tra Natale, Capodanno e l'Epifania in Premier League si gioca sempre tantissimo. Il Boxing Day da qualche anno viene spacchettato e in più giorni si disputano le gare di quel turno di campionato. In questo 26 dicembre ci sono due partite importanti, quella che si staglia maggiormente è Arsenal-Chelsea. Lo è per tanti motivi. Innanzitutto è un derby, poi questa è stata la finale dell'ultima FA Cup, disputata lo scorso 1° agosto. Quella partita la vinsero i Gunners, che ora incredibilmente sono invischiati nella lotta per non retrocedere, mentre i Blues sono in lotta per un posto in Champions. Tra le numerosissime sfide tra Arsenal e Chelsea se ne ricorda una che si giocò proprio in questo periodo di feste. Era il 1° gennaio del 2003, sulle panchine delle due squadre c'erano due gentiluomini Wenger e Ranieri. Gli ultimi minuti di quell'incontro sono passati alla storia.

Arsenal-Chelsea del 2003

Per alimentare l'effetto nostalgia è giusto citare alcuni dei protagonisti di quel giorno, che si sfidarono nel bellissimo stadio di Highbury. I portieri erano Seaman e Cudicini. Nel Chelsea giocavano Desailly, Petit, Gallas e la coppia d'attacco era formata da Zola e Jimmy Floyd Hasselbaink. L'eterno Keown in difesa con Cole e Campbell tra i Gunners, molto francesi con Wiltord, Pires, Vieira e Henry, e pure con ‘Mister Class' Bergkamp.

Tris Gunners

Si gioca il 1° gennaio del 2003, giorno che si ricorda anche per la morte di Giorgio Gaber. L'Arsenal passa subito in vantaggio, l'1-0 è prodotto da un'autorete di Desailly. La partita è tirata, i due allenatori con i cambi cercano di portarla in modo definitivo dalla loro parte. Il finale è scoppiettante. Gli ultimi minuti sono strepitosi. ì Van Bronckhorst raddoppia all'81', passa un minuto e mezzo e segna pure Thierry Henry, 3-0.

Remuntada Chelsea

La partita sembra finita. L'Arsenal può proseguire l'inseguimento al Manchester United di Sir Alex Ferguson. Ma il Chelsea reagisce e accorcia con il croato Stanic all'85', un minuto dopo sbaglia la difesa dell'Arsenal, ne approfitta il grande ex Petit, ed è 3-2. Quattro gol negli ultimi cinque minuti. Le ultime fasi sono incredibili con il Chelsea che attacca e va vicinissimo al 3-3, che sarebbe stato clamoroso, con il terzino Le Saux, a cui si oppone un grande Seaman.

Ieri e oggi, c'è sempre Lampard

In quel Chelsea c'era un centrocampista di ventiquattro anni che era stato lanciato da Claudio Ranieri e cioè Frank Lampard, che poi ha vinto tutto quello che poteva con i londinesi e che oggi è l'allenatore dei Blues. Chissà se ricorderà quella partita, per il Chelsea, amara giocata all'epoca come oggi nel periodo in cui il calcio inglese si prende totalmente la scena.