Reduce dal Festival di Sanremo Zlatan Ibrahimovic è stato uno degli ospiti di Che Tempo Che Fa la trasmissione di Rai 3 condotta da Fabio Fazio. L'attaccante svedese ha esordito parlando dell'incredibile passaggio ricevuto da un motociclista che giovedì scorso lo ha accompagnato al Teatro Ariston di Sanremo:

"Si può fare un film di quella giornata, l'unica preoccupazione era che nessuno mi credeva. Tutto è stato strano, perché quando lui guidava il peso della moto si spostava, perché io peso molto più di lui. Non ho avuto tempo di parlare nemmeno con il motociclista. Non ci siamo nemmeno fatti una foto, è stato molto gentile".

Fra Martino Campanaro

Poi ha canticchiato in svedese una canzoncina famosa in tutto il mondo ‘Fra Martino campanaro': "Prima di ‘Vagabondo' a Sanremo avevo già vinto un disco d'oro in Svezia. Mentre ho cantato ‘Fra Martino' quando sono tornato al Milan e l'ho fatto anche in nazionale".

Il futuro di Ibra al Milan

Ibra ha mandato un messaggio alla società rossonera e aspetta l'offerta per prolungare il contratto per un'altra stagione: "Vediamo se resto. Se Paolo (Maldini ndr.) vuole, resto". E da leader ha parlato del Milan 2020-2021 suo e di Pioli: "Mi sento un leader al Milan, è la prima volta che mi sono emozionato in una squadra, mi sento una guida, mi guardano e si aspettano qualcosa. Oggi volevo essere in campo, mi sento parte di questo progetto. La squadra mi è mancata. Quando passo un giorno senza la squadra, è come se passassi un giorno senza figlio".

Infine ha parlato anche di Maradona ("Un'icona del calcio, per anni l'ho cercato nelle figurine, ma poi l'ho visto dal vivo e l'ho conosciuto"), di Galliani ("Gli voglio troppo bene. Quando mi ha portato al Milan il mio sorriso è tornato") e di Gattuso: "L'ho sentito ieri, lui è l'idolo di mio figlio che oggi compie gli anni e gli ho detto se poteva mandargli un messaggio, e ho aggiunto che se non lo faceva andavo a Napoli".