6 Ottobre 2021
13:12

I giocatori no vax dell’Hertha Berlino devono pagarsi i tamponi: il club tedesco cambia strategia

L’Hertha Berlino ha deciso che i calciatori no vax si pagheranno i tamponi. La squadra della capitale tedesca ha preso la decisione di far pagare di tasca propria i test per il Covid-19 ai tesserati che hanno scelto di non vaccinarsi. Coloro che hanno intrapreso un percorso sanitario diverso da quello tracciato dal club costano alla società oltre 1.600 euro al mese e adesso è arrivato un deciso cambio di strategia da parte del proprietario Fredi Bobic.
A cura di Vito Lamorte

L'Hertha Berlino ha deciso: i calciatori no vax si pagheranno i tamponi. Il club tedesco è seriamente impegnato nella lotta contro coloro che rifiutano la vaccinazione contro il Coronavirus e nelle scorse ore è arrivata la decisione che in futuro tutti i tesserati non vaccinati appartenenti al club dovranno pagare di tasca propria i test per il Covid-19. Si tratta degli ormai noti a tutti test PCR che costano circa 70 euro e, secondo le normative DFL, vanno eseguiti due volte a settimana: l'Hertha, come ogni club, è tenuto a testare sei volte al mese tutti i suoi tesserati e la scelta di coloro che non si sono vaccinati costa al club oltre 1.600 euro al mese. Fino a poco tempo la società si era ‘accollata' le spese di tutti ma adesso ha deciso che chi ha intrapreso un determinato percorso sanitario ne pagherà le conseguenze.

L'ex calciatore e attuale proprietario dell'Hertha, Fredi Bobic, ha parlato a BZ della situazione all'interno dellasua società in questi termini: “Abbiamo un tasso di vaccinazione di oltre il 90%. E questo senza alcun tipo di coercizione, ma per convinzione". Per gli altri, però, il club della capitale tedesca non è più disposto a pagare i test ed è arrivata questa scelta che permetterebbe al club di non spendere 420 a settimana per ogni calciatore non vaccinato. Le informazioni sull'Hertha riguardano la squadra professionistica (27 giocatori), lo staff tecnico e tutti coloro che ruotano intorno alla squadra: un totale di circa 40 persone.

Molti professionisti non hanno ancora provveduto a vaccinarsi ma secondo le informazioni raccolte dal quotidiano tedesco BILD il tasso di vaccinazione in Bundesliga dovrebbe aggirarsi intorno all'82% per i giocatori mentre quello tra gli staff tecnico è ancora più alto. Un segnale importante. Intanto in Germania molti club stanno discutendo sulla possibilità di vietare l’accesso allo stadio a chi non è vaccinato oppure è guarito di recente dal Covid-19.

Vietato l'accesso all'hotel del ritiro, Bayern alle prese con i giocatori no-vax: "Niente eccezioni"
Vietato l'accesso all'hotel del ritiro, Bayern alle prese con i giocatori no-vax: "Niente eccezioni"
L'Hertha Berlino come il Bayern Monaco, pugno duro: "Niente stipendio a chi non è vaccinato"
L'Hertha Berlino come il Bayern Monaco, pugno duro: "Niente stipendio a chi non è vaccinato"
Il Bayern Monaco taglia gli stipendi ai no vax, i giocatori vogliono fare causa al club
Il Bayern Monaco taglia gli stipendi ai no vax, i giocatori vogliono fare causa al club
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni