442 CONDIVISIONI
27 Novembre 2021
21:39

Farsa in Portogallo, Belenenses costretto a giocare in 9 con due portieri: gara interrotta sul 7-0

In Portogallo è accaduto qualcosa di incredibile. Il Belenenses ha affrontato il Benfica giocando con soli 9 giocatori e due portieri in campo. La gara è stata poi interrotta sul 7-0.
A cura di Fabrizio Rinelli
442 CONDIVISIONI

Focolaio Covid nel Belenenses. Ben 17 positivi confermati di cui 14 giocatori nel gruppo squadra ma la partita contro il Benfica si è giocata lo stesso in un clima surreale. Incredibile ciò che è accaduto in questa folle serata in Liga NOS, il massimo campionato portoghese, dove il Belenenses, nonostante i tanti contagi, è sceso in campo schierando solo 9 giocatori. Non c'erano infatti abbastanza elementi per completare l'undici titolare e così la partita si è giocata ugualmente con la presenza di due portieri e con diversi ragazzini in campo e senza alcuna sostituzione in panchina. Una situazione surreale che inevitabilmente ha creato tante polemiche in Portogallo. L'epilogo della vicenda è stato pressoché prevedibile. I 9 giocatori sono scesi in campo con tanto di mascherine e hanno iniziato la gara facendo il massimo.

Il primo tempo si è però concluso inevitabilmente in goleada con il 7-0 per il Benfica che ha mandato le due squadre negli spogliatoi. I giocatori del Belenenses però, invece di rientrare in campo per la ripresa, hanno deciso di non tornare sul terreno di gioco per giocare il secondo tempo. Il direttore di gara ha atteso un po' di tempo prima di vedere rientrare solo 7 giocatori del Belenenses. Neanche il tempo di ricominciare la partita che un giocatore del Belenenses ha subito un infortunio. Un problema dato che la squadra di casa non aveva sostituti in panchina. Secondo il regolamento non si può giocare con meno di 7 giocatori e così l'arbitro ha fischiato la fine della partita.

La ricostruzione della giornata alla vigilia della gara

Per tutta la giornata sono emersi dubbi sulla possibilità che si giocasse questa partita a causa dell'epidemia di Covid-19 che ha scosso la squadra di casa. Con 17 positivi confermati, di cui 14 giocatori, il Belenenses nel pomeriggio è stato costretto a mettere in isolamento fiduciario diversi suoi tesserati dopo i tamponi effettuati alla vigilia. Dei nove calciatori che sono scesi inizialmente in campo contro il Benfica, solo tre, ovvero Álvaro Ramalho, Diogo Calila e Boni Trova, avevano già avuto modo di giocare in questa stagione, mentre il resto dei calciatori è stato impiegato solo nell'Under 23.

Da ricordare che tra i 17 casi positivi, di cui fa parte il tecnico Filipe Cândido, c'è Cafu Phete, che è rientrato dal Sudafrica per via degli impegni con la nazionale ed è risultato positivo. È chiaro che la preoccupazione principale fosse quella che il resto della squadra potesse aver contratto la nuova variante del virus, appunto quella sudafricana. Sui social sono tante le proteste di tifosi e utenti che hanno trovato inammissibile giocare regolarmente questa partita. Sul proprio account Twitter, condividendo la notizia che la gara si sarebbe giocata, uno dei giocatori del Belenenses, Afonso Sousa, è stato chiarissimo: "Vergognoso".

442 CONDIVISIONI
Camila Giorgi show all'esordio nel WTA Toronto 2022, dominata Raducanu in due set
Camila Giorgi show all'esordio nel WTA Toronto 2022, dominata Raducanu in due set
Marotta spiega i mancati arrivi all'Inter:
Marotta spiega i mancati arrivi all'Inter: "Dybala? Non c'era necessità. Bremer? Siamo condizionati"
Calciomercato Roma, Dybala e Mourinho a colloquio sulla numero 10 di Totti: la rivelazione della Joya
Calciomercato Roma, Dybala e Mourinho a colloquio sulla numero 10 di Totti: la rivelazione della Joya
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni