276 CONDIVISIONI

Dybala ed El Shaarawy rilanciano la Roma, Udinese sconfitta: giallorossi al quinto posto, -3 dal Napoli

La squadra di Mourinho accelera nel finale con la Joya e il Faraone. La vittoria (3-1) spinge i giallorossi in alto grazie alle sconfitte di Atalanta e Fiorentina.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Sport Fanpage.it
A cura di Maurizio De Santis
276 CONDIVISIONI
Immagine

La Roma aveva un jolly da giocare e l'ha calato chiamando banco. Ha fatto all-in e messo le mani su un carico di Joya e punti: 3-1 all'Udinese con l'acuto di El Shaarawy. Missione compiuta, Mourinho esulta urlando verso la tribuna. Le sconfitte di Atalanta (in casa col Napoli) e Fiorentina (a San Siro con il Milan) le avevano spianato la strada per saltare a pie' pari la concorrenza e balzare al quinto posto, a -3 dai partenopei nell'attesa del posticipo di lunedì tra Bologna e Torino. L'occasione era ghiotta, andava sfruttata. E Dybala, nel momento più difficile, ci ha messo lo zampino servendo sul piatto la rete del 2-1, pesante e preziosa.

Un tocco di Joya. Ci voleva, era atteso. Ha spazzato via cattivi pensieri e i mugugni che erano sorti per come s'erano messe le cose. Ne era scaturito un pareggio amaro, maturato nella ripresa per il diverso approccio dei friulani rispetto a un primo tempo nel quale era stata la squadra di José Mourinho a tenere il pallino del gioco. Passava in vantaggio con Mancini, sfiorava il raddoppio con Pellegrini ma andava al riposo con poche certezze. Quelle che aveva si sgretolavano dopo una decina di minuti, complici un paio di opportunità (ancora Mancini, ma più clamorosa quella di Lukaku) per mettere il cappello sul risultato.

La rete del momentaneo vantaggio segnata da Mancini nel primo tempo.
La rete del momentaneo vantaggio segnata da Mancini nel primo tempo.

Blackout. Calava il buio quando Payero pennellava un cross sul secondo palo che trovava impreparata la difesa capitolina: Thauvin era lì, appostato e indisturbato, a battere di testa superando Rui Patricio con una traiettoria che lo beffava sul palo più lontano. Il tecnico portoghese ha avuto un sussulto, sbottando più di quanto non lo avesse fatto nel primo tempo quando, dinanzi alle ‘cadute facili' degli avversari, s'era alzato dalla panchina per stigmatizzare quegli atteggiamenti.

Mou ha preso il coraggio a due mani e aggiunto peso offensivo alla prima linea: fuori Spinazzola e Pellegrini, dentro El Shaarawy e Azmoun. La scelta gli ha dato ragione, tant'è che proprio dai piedi del Faraone che sono scaturiti un paio di passaggi che avrebbero meritato miglior fortuna ma la punta iraniana o non coglieva al volo le intenzioni del compagno oppure ci andava col ‘piede molle' (come si dice in gergo). Il tempo di una girata di testa di Cristante, fuori d'un soffio, poi arrivava un altro doppio cambio per i giallorossi: dentro Zalewski e Bove che prendevano il posto di Karsdorp e Paredes. Servoivano ‘gamba' e forse fresche per l'assalto finale. La pennellata è uno sbuffo di Joya, il Faraone cala il tris.

276 CONDIVISIONI
Dybala e Pellegrini regolano la Salernitana, la Roma vince 2-1: buona anche la seconda per De Rossi
Dybala e Pellegrini regolano la Salernitana, la Roma vince 2-1: buona anche la seconda per De Rossi
Allegri dimentica lo Scudetto e l'Inter dopo il ko Juve: "Dispiace non aver allungato sulla quinta"
Allegri dimentica lo Scudetto e l'Inter dopo il ko Juve: "Dispiace non aver allungato sulla quinta"
Roma-Inter dove vederla in TV e streaming: le formazioni ufficiali della partita
Roma-Inter dove vederla in TV e streaming: le formazioni ufficiali della partita
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views