174 CONDIVISIONI

Cosa ha scritto Mourinho sul bigliettino dato dal raccattapalle a Rui Patricio: è un tentativo disperato

Con la Roma ridotta in nove e la Fiorentina in fase d’attacco, Mourinho approfitta di una pausa del gioco prima del calcio d’angolo per inviare un pizzino al portiere giallorosso: gli dice cosa deve fare.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Sport Fanpage.it
A cura di Maurizio De Santis
174 CONDIVISIONI
José Mourinho ha consegnato al raccattapalle il 'pizzino' da consegnare al portiere giallorosso.
José Mourinho ha consegnato al raccattapalle il ‘pizzino' da consegnare al portiere giallorosso.

José Mourinho chiama a sé un raccattapalle della Roma. È una fase molto delicata della sfida, i provvedimenti disciplinari del direttore di gara e l'impeto della Fiorentina che ha cercato di vibrare il colpo ferale l'hanno resa vietata ai deboli di cuore. Il tecnico portoghese ha abbastanza esperienza per capire che nulla va lasciato al caso in quegli istanti e spedisce al portiere una direttiva precisa. L'Olimpico è una bolgia, impossibile che la sua voce arrivi subito, in maniera chiara e diretta. Nemmeno si fida perché certe cose siano trasmesse a voce. Inizialmente confabula con il ragazzo poi sceglie un metodo molto più pratico.

Lo fa usando come messo speciale uno dei giovani che sono a bordo campo (da regolamento nessuno dalla panchina né dello staff potrebbe farlo). Prende un foglietto, ne strappa una parte. Gli affida un bigliettino, deve portarlo a Rui Patricio. C'è scritto un messaggio, è diretto a lui. Molto più di uno schema, è (anche) il tentativo disperato di difendere quel che resta di una partita prima in pugno e poi divenuta pericolosamente a rischio per il pareggio della Viola e per i due ‘rossi' (Zalewski e Lukaku) che hanno incendiato il finale.

L'estremo difensore riceve dal raccattapalle il bigliettino scritto dal connazionale.
L'estremo difensore riceve dal raccattapalle il bigliettino scritto dal connazionale.

Cosa c'è scritto? Si tratta della disposizione da seguire sui calci d'angolo, come e chi deve piazzarsi per coprire il primo e il secondo palo. Ci sono due nomi indicati con un'abbreviazione e cerchiati col pennarello nero: sono quelli di El Shaarawy e Bove, tocca a loro mettersi lì a guardia, a fare da schermo, a proteggere la porta dagli assalti dei toscani che fiutano l'impresa, la possibilità di fare il sorpasso alla stessa Roma, al Bologna, al Napoli e piazzarsi al quarto posto. Alla fine il pareggio è anche un risultato amaro per i gigliati.

L'estremo difensore portoghese legge le indicazioni passategli dal suo allenatore.
L'estremo difensore portoghese legge le indicazioni passategli dal suo allenatore.

La scelta di Mourinho è chiara, il secondo rosso estratto da Rapuano (l'altro era stato comminato a Zalewski) nei confronti dell'attaccante belga ha fatto sì che la partita prenda una brutta piega. Serve intervenire per dare le ultime, necessarie indicazioni. Le immagini di Dazn alzano il velo su quella segnalazione: oltre ai nomi dei calciatori abbozzati c'è anche la parola ‘corner' (calcio d'angolo). In buona sostanza, aveva comunicato a Rui Patricio quali compagni di squadra disporre e come farlo nella maniera migliore.

174 CONDIVISIONI
Pellegrini ha aperto l'armadietto e ha visto cosa gli aveva lasciato Mourinho: è stato uno schiaffo
Pellegrini ha aperto l'armadietto e ha visto cosa gli aveva lasciato Mourinho: è stato uno schiaffo
La Salernitana piazza il colpo Manolas: no di Mustafi, Sabatini convince l'ex Roma e Napoli
La Salernitana piazza il colpo Manolas: no di Mustafi, Sabatini convince l'ex Roma e Napoli
A Sanremo l'interista Amadeus ammutolisce Ibrahimovic con una battuta: "Questa non la sapeva"
A Sanremo l'interista Amadeus ammutolisce Ibrahimovic con una battuta: "Questa non la sapeva"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni