In casa Juventus l'isolamento scaturito dalla positività di Daniele Rugani al Coronavirus è finito. Si chiude infatti oggi il periodo di 14 giorni successivo al risultato del test a cui si è sottoposto il difensore bianconero. Non tutti i calciatori della Vecchia Signora però potranno interrompere la loro quarantena. Oltre a Rugani infatti anche Dybala e Matuidi, gli altri due calciatori positivi al COVID-19, dovranno allungare il loro periodo di isolamento, anche perché saranno necessari per loro altri tamponi. Senza dimenticare poi che i 6 giocatori tornati in patria, all'estero, dovranno al rientro in Italia osservare un ulteriore stop in linea con quanto imposto dal decreto governativo.

Juventus, isolamento da Coronavirus finito ma non per tutti

Si chiude oggi il periodo di isolamento disposto dalla Juventus dopo la positività al test sul Coronavirus di Daniele Rugani, primo calciatore del nostro campionato a fare i conti con il COVID-19. Non tutti i calciatori però potranno riprendere la normalità, in linea con le restrizioni anti-contagio. Oltre al difensore infatti, anche Blaise Matuidi e Paulo Dybala, dovranno osservare un ulteriore periodo di quarantena dovendo sottoporsi, da protocollo, ad ulteriori tamponi. Tra i tre quello che dovrebbe chiudere il suo percorso in anticipo è l'ex Empoli, che si sottoporrà ad un altro tampone. In caso di negatività, nuovo test dopo 24 ore, con la possibilità in caso di scomparsa del virus di lasciare lo JHotel. L'ultimo dei tre dovrebbe essere Dybala, che ha conosciuto l'esito positivo del test più tardi.

Cosa succederà ai giocatori della Juventus tornati in patria

Cosa succederà invece per i calciatori della Juventus che sono tornati in patria, dopo aver ricevuto l'autorizzazione del club? Si tratta di Cristiano Ronaldo, Gonzalo Higuain, Rodrigo Bentancur, Sami Khedira, Miralem Pjanic e Douglas Costa (che ha annunciato ieri il suo rientro a Torino il 3 aprile). Anche per loro il periodo d'isolamento si chiude oggi, ma al momento dell'approdo sul suolo italiano dovranno osservare altri 14 giorni di isolamento in linea con quanto imposto dal decreto di governo per chi arriva dall'estero.

tot. contagiati 101.739
30 marzo 1.648
tot. guariti 14.620
30 marzo 1.590
tot. deceduti 11.591
30 marzo 812