Oramai è emergenza. Non si può definire altrimenti, anche se il mondo del calcio per l'ennesima volta ha provato a nascondere la polvere sotto il tappeto. Tante le squadre in quarantena, spontanea o obbligata, sempre più i giocatori che si ritrovano positivi ai test anti Coronavirus. In tutto il mondo, non solo in Italia, primo grandissimo focolaio oltre alla Cina. E lo stop del calcio ha portato a questa situazione visto che, tra tentennamenti, decisioni e ripensamenti, lo stop effettivo è arrivato con massimo ritardo, solamente il 9 marzo scorso.

Nel frattempo, la pandemia ha avuto modo di attecchire, di espandersi in modo subdolo e silenzioso, all'interno del mondo dello sport. Non si contano più i casi di positività, prima pochi e isolati, poi plurimi, infine moltissimi, troppi da poter elencare ad uno ad uno. Ogni disciplina ne può annoverare diversi, nessuno sport è rimasto immune e così adesso si paga un prezzo altissimo, mentre l'emergenza sanitaria nazionale non accenna calare.

I calciatori positivi al Coronavirus

Le squadre in quarantena per il Covid-19

  • Juventus (Italia)
  • Inter (Italia)
  • Sampdoria (Italia)
  • Fiorentina (Italia)
  • Verona (Italia)
  • Udinese (Italia)
  • Atalanta (Italia)
  • Real Madrid (Spagna)
  • Valencia (Spagna)
  • Arsenal (Inghilterra)
  • Chelsea (Inghilterra)
  • Everton (Inghilterra)
  • Leicester (Inghilterra)
  • Paderborn (Germania)
  • Hannover (Germania)
  • Norimberga (Germania)