La Juventus vuole chiudere il mercato piazzando un grande colpo. Mancano pochi giorni al termine e non è più il momento di tenere nascoste le carte. I campioni d’Italia hanno rotto gli indugi per Federico Chiesa, la trattativa con la Fiorentina sembra ben avviata. Ma per concretizzarla però servono un paio di cessioni, senza quelle l’affare sarà rimandato.

Federico Chiesa è l’obiettivo principale del mercato della Juventus

La Fiorentina dopo aver dichiarato che il calciatore classe 1997, che già da quattro anni gioca in Serie A, era incedibile sembra aver capitolato e pare pronta ad accettare la proposta della Juventus. I dirigenti bianconeri con decisione sono andati su Chiesa e proveranno a chiudere la trattativa entro la fine del weekend. La formula per l’acquisto è quella del prestito oneroso, fissato a 10 milioni di euro, con diritto o obbligo di riscatto, fissato a 45 milioni. I viola sono d’accordo. Ma per dichiarare fatto l’affare la strada è ancora lunga.

Perché la Juve non può ancora acquistare Chiesa? Il club che ha vinto gli ultimi nove scudetti ha chiuso il bilancio in rosso (quasi di 90 milioni di euro) e per questo deve cercare di cedere uno o due giocatori prima di dare l’affondo decisivo. La Juventus vuole sfoltire la rosa e sul mercato ha messo sia il difensore Daniele Rugani, che è un obiettivo di Valencia e West Ham, che Douglas Costa, giocatore brasiliano poco adatto al modulo di Pirlo che ha uno stipendio da 6 milioni di euro netti e ha alcune pretendenti (possibili) in Premier League. In uscita ci sarebbe anche Khedira, fuori dal progetto che non ha accettato la proposta di rescissione del contratto. E a sorpresa in bilico ci sarebbe pure l’uruguaiano Bentancur, giocatore di qualità, giovane, allevato dai bianconeri che però non sembra avere il posto fisso con Pirlo.