Borja Mayoral è ufficialmente un nuovo attaccante della Roma. Trattativa chiusa con il Real Madrid con la formula del prestito biennale con opzione per il riscatto, a 15 milioni al termine di questa stagione, e a 20 la prossima. Fonseca dunque potrà contare su un nuovo rinforzo per il suo reparto offensivo, capace di alternarsi a Dzeko, ma non solo, dopo il mancato arrivo di Milik. Un giocatore su cui in tanti hanno riposto grandi aspettative, e che si spera che in giallorosso possa finalmente esplodere.

Chi è Borja Mayoral, la sua carriera tra Real Madrid e Wolfsburg

Borja Mayoral si è messo in mostra nelle Giovanili del Real Madrid segnando gol a raffica. Cresciuto Nel Castilla dopo i primi passi nel Parla, il classe 1993 ha vestito la maglia della prima squadra merengues già nel 2015, collezionando alcuni spezzoni di partite. La stoffa c’è ma il ragazzo ha bisogno di giocare e infatti nel 2016 arriva la cessione al Wolfsburg, con cui trova i primi gol da professionista, 2 in 19 partite.

Nel 2017 il Real decide di richiamarlo alla base per metterlo a disposizione di Zidane come attaccante di riserva. Arrivano così le prime reti tra campionato e Copa del Rey, prima del sigillo in Champions decisivo per la vittoria sul Borussia Dortmund. A fine stagione festeggerà il suo primo e unico titolo continentale. Questo trofeo insieme al Mondiale per club si vanno ad aggiungere all’oro conquistato con la Spagna agli Europei Under 19 e a quelli giocati in Italia con le Furie Rosse Under 21. Ora dopo la Liga e la Bundesliga, terzo top campionato della carriera per lui, con la maglia della Roma.

Come gioca Borja Mayoral, doti e caratteristiche. Il ruolo nella Roma

Punta centrale dalla fisicità importante, Borja Mayoral calcia prevalentemente di destro anche se sa far male anche di sinistro. Il suo idolo è la leggenda del Real e attuale allenatore dei Blancos Raul. Dotato di un buon fiuto del gol, sa lavorare bene per la squadra, con spirito di sacrificio. Il tatticismo italiano potrà fargli bene, così come la possibilità di lavorare al fianco di Edin Dzeko. Molto stimato da Zidane che ha provato fino alla fine a trattenerlo (avrebbe spinto invece per la partenza di Jovic), Mayoral potrebbe giocare non solo nelle vesti di alternativa al bosniaco, ma anche in coppia con lui. Fonseca potrebbe pensare anche ad un suo inserimento nel 4-2-3-1 alle spalle del terminale offensivo giallorosso.