3.315 CONDIVISIONI
La morte di Kobe Bryant, star NBA, e di sua figlia
10 Febbraio 2020
17:30

Vanessa Bryant e la figlia Capri: “Somiglia tanto a Gigi e ha gli occhi del suo papà”

A pochi giorni dall’ultimo saluto allo sfortunato giocatore dei Lakers e alla figlia Gianna, Vanessa Bryant ha condiviso con i suoi follower di Instagram un filmato che vede la piccola Capri alzarsi in piedi e mostrare un sorriso identico a quello del padre. Un filmato che ha commosso migliaia di persone e che ha fatti subito il giro del mondo grazie alle condivisioni.
A cura di Alberto Pucci
3.315 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La morte di Kobe Bryant, star NBA, e di sua figlia

In attesa dell'ultimo commosso saluto che tutta Los Angeles riserverà a Kobe Bryant, in occasione della cerimonia funebre pubblica organizzata allo Staples Center, Vanessa Bryant sta cercando di curare il suo dolore grazie al conforto dei figli: in primis quello di Capri, la sorellina più piccola della povera Gianna. La donna ha infatti pubblicato su Instagram un video nel quale la bimba, nata nel giugno scorso, cerca di mettersi in piedi per la prima volta.

Un filmato che tocca il cuore, accompagnato da una voce in sottofondo che si complimenta con la piccola (probabilmente di una delle sorelle di Kobe, Sharia Bryant), che l'ex moglie del ‘Black Mamba' ha condiviso con i suoi follower e commentato con una didascalia commovente: "La mia piccola Koko che somiglia tanto alla mia Gigi con gli occhi del suo papà".

Il ricordo straziante di Vanessa Bryant

L'ultimo post su Instagram, visualizzato più di nove milioni di volte in meno di 12 ore , segue quelli che Vanessa Bryant ha pubblicato nei giorni successivi al tragico incidente: foto e post con i quali la donna ha voluto ringraziare tutti per i tributi rivolti al marito e alla figlia. Tra questi anche quello che ritrae la maglia numero 2 che Gianna indossava quando scendeva sul parquet con la squadra della sua scuola: "La mia Gianna. Quanto mi manchi. Ho avuto la fortuna di potermi svegliare per 13 anni vedendo il tuo volto meraviglioso e il tuo splendido sorriso. Avrei voluto farlo fino al mio ultimo respiro".

Il prossimo 24 febbraio, una data scelta non a caso e che richiama non solo il numero di maglia di Kobe Bryant ma anche quello della figlia (il 2), la ‘città degli angeli' si fermerà dunque di nuovo per ricordare il grande campione. Allo Staples Center, oltre all'ex cestista NBA e alla figlia Gianna, verranno anche ricordate le altre persone scomparse tragicamente dopo lo schianto dell'elicottero: John Altobelli, Keri Altobelli, Alyssa Altobelli, Sarah Chester, Payton Chester, Christina Mauser e il pilota Ara Zobayan.

3.315 CONDIVISIONI
Due anni dopo la morte di Kobe Bryant è rimasta una sola domanda ancora senza risposta
Due anni dopo la morte di Kobe Bryant è rimasta una sola domanda ancora senza risposta
Vanessa Bryant, sì all'accordo per chiudere la causa sull'incidente in cui morirono Kobe e Gianna
Vanessa Bryant, sì all'accordo per chiudere la causa sull'incidente in cui morirono Kobe e Gianna
Kobe Bryant morto per un errore del pilota: le cause dell'incidente confermate dalla perizia
Kobe Bryant morto per un errore del pilota: le cause dell'incidente confermate dalla perizia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni