2.249 CONDIVISIONI
Olimpiadi Tokyo 2020
10 Agosto 2021
11:08

La Russia non ci sta: “È una vergogna!”. Parte il reclamo ufficiale ad Olimpiadi finite

Era dal 1996 che la Russia vinceva il concorso individuale di ginnastica ritmica alle Olimpiadi: una striscia interrotta dal successo dell’israeliana Linoy Ashram ai Giochi di Tokyo, che ha relegato al secondo posto la pluri campionessa del mondo Dina Averina. I russi l’hanno presa malissimo: “È una vergogna, faremo appello alla Federazione internazionale”.
A cura di Paolo Fiorenza
2.249 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Olimpiadi Tokyo 2020

Le Olimpiadi di Tokyo sono finite, ma c'è chi non si rassegna ai risultati maturati in pista e nei palazzetti. È il caso della Russia, peraltro presente in Giappone sotto la sigla ROC che indica il proprio comitato olimpico, a causa della vicenda ‘doping di stato' per la quale è stata sanzionata con due anni di squalifica da tutte le competizioni. I russi hanno preso malissimo la conclusione del concorso individuale di ginnastica ritmica, che ha visto i giudici premiare in finale con la medaglia d'oro l'israeliana Linoy Ashram ai danni della pluri campionessa del mondo Dina Averina.

Le lacrime della 23enne ginnasta russa hanno avuto molto risalto in patria e sollevato un coro di proteste: si è superata la soglia della critica per il verdetto della giuria, arrivando a definirlo "di parte" e "una vergogna". Ma non ci si fermerà qui: Stanislav Pozdnyakov, leggenda della sciabola mondiale che oggi è il presidente del Comitato Olimpico russo, ha intenzione di presentare un reclamo ufficiale alla Federazione internazionale di ginnastica per l'arbitraggio della competizione.

"Abbiamo deciso che non chiuderemo gli occhi su questa situazione – ha detto Pozdnyakov in una nota – Stiamo già preparando un appello ufficiale alla federazione internazionale". Il podio finale del concorso individuale di ritmica è stato una brutta botta per la Russia: è la prima volta infatti che una delle sua atlete non vince l'oro dal 1996, un quarto di secolo fa.

"Non credo che sia stato giusto e la cosa è stata ovvia fin dal primo attrezzo quando ho ottenuto un punteggio inferiore – ha detto la Averina al termine della competizione – Non riesco a individuare alcun errore evidente che ho fatto. Sono stato abbastanza pulita rispetto a Linoy che ha perso l'attrezzo". Dal canto suo, la 22enne Ashram ha letteralmente fatto la storia per il suo Paese: è infatti la prima donna israeliana a vincere una medaglia d'oro olimpica. Con buona pace dei russi, il cui reclamo è ovviamente destinato a restare inascoltato.

2.249 CONDIVISIONI
466 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni