Un annuncio a sorpresa che in pochi minuti ha fatto il giro del mondo. Conor McGregor ha deciso di ritirarsi e lo ha comunicato con un post sui suoi profili social. La star della UFC (Ultimate Fighting Championship), organizzazione di arti marziali miste (MMA) statunitense, a 31 anni dice stop ai combattimenti dopo una carriera che gli ha permesso di guadagnare, solo dagli incontri 100 milioni di dollari. Non è la prima volta che McGregor stupisce i suoi fans con questo tipo di annunci per poi tornare sul ring, anche se questa volta sembra essere quella definitiva. Una carriera ricca di successi, ma anche ricca di "incidenti di percorso" per McGregor che spesso si è reso protagonista di episodi controversi nella sua vita privata.

Conor McGregor annuncia (ancora) il ritiro dai combattimenti

Conor McGregor ancora una volta ha lasciato tutti senza parole. Il lottatore irlandese, campione delle arti marziali miste ha annunciato su Twitter il suo ritiro postando una foto in compagnia di sua madre, accompagnata da queste parole: "Ehi ragazzi, ho deciso di ritirarmi dal combattimento. Grazie per tutti i meravigliosi ricordi. Che cavalcata! Ecco una foto di me e mia madre a Las Vegas dopo una delle mie vittorie del titolo mondiale! Scegli la casa dei tuoi sogni Mags, ti amo! Qualunque cosa desideri, è tua". Non è la prima volta che in realtà McGregor annuncia il ritiro dai combattimenti. Già a marzo 2019 (e in precedenza nel 2016), sembrava voler andare in pensione anticipatamente per tornare poi meno di un anno dopo a combattere. Questa volta però, nonostante i tanti "appuntamenti" in agenda potrebbe essere quella definitiva.

Chi è Conor McGregor, il lottatore da record capace di vincere 100 milioni di dollari

Conor McGregor era tornato a combattere a gennaio vincendo in 40 secondi l'incontro con Donald ‘Cowboy' Cerrone. Il suo annuncio ha fatto rumore soprattutto perché entro la fine dell'anno avrebbe dovuto combattere con la leggenda della UFC Anderson Silva, Jorge Masvidal, oltre alla rivincita con quello che è stato uno dei suoi rivali di sempre ovvero Khabib Nurmagomedov. Contro quest'ultimo, e Nate Diaz nel 2016, l'irlandese ha collezionato le sue due sconfitte in UFC. McGregor che è stato campione sia dei pesi leggeri che dei pesi piuma nella UFC, è stato il primo lottatore a detenere contemporaneamente due titoli. Protagonista di alcuni degli eventi di maggior successo nella disciplina delle arti marziali miste, McGregor ha vinto nel corso della sua carriera circa 100 milioni di dollari (ovvero 88 milioni di euro). Nel 2017 aveva fatto il suo debutto anche nella box con l'eccezionale incontro con Floyd Mayweather Jr. conclusosi con una sconfitta. Un evento che ha avuto un seguito mediatico impressionante, e che ha generato introiti eccezionali.

La carriera al limite di Conor McGregor e l'arresto nel 2018

Il suo nome è legato anche a numerosi episodi controversi. Tanti gli screzi con gli avversari, degenerati spesso in gesti di intemperanza. Nel 2018 ad esempio venne arrestato dopo un vero e proprio assalto al pulmino su cui viaggiava l’avversario e altri lottatori. In quell’occasione McGregor lanciò contro il mezzo un carrello da trasporto, causando il ferimento di diverse persone a bordo, prima di darsi alla fuga che non impedì però alla polizia di fermarlo poche ore dopo.