41.756 CONDIVISIONI
Grande Fratello 2023/2024

“Napoli offre poca storia artistica e culturale”, lo scivolone di Paolo Masella al Grande Fratello

Lo scivolone di Paolo Masella al Grande Fratello. Il macellaio che ha raccontato di essere entrato nella Casa senza avere mai visto il reality (salvo poi dimostrare una notevole conoscenza in termini di nomination e strategie), ha fatto sapere di non trovare la città di Napoli all’altezza delle sue aspettative: “Ha poca storia culturale e artistica”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Stefania Rocco
41.756 CONDIVISIONI
Per gentile concessione dell’ufficio stampa Endemol Shine Italy
Per gentile concessione dell’ufficio stampa Endemol Shine Italy
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Grande Fratello 2023/2024

Paolo Masella scivola su una buccia di banana nella Casa del Grande Fratello. Il macellaio/modello entrato a far parte di questa edizione del reality, condotta da Alfonso Signorini con il supporto di Cesara Buonamici nel ruolo di opinionista, ha confidato ai suoi coinquilini di non trovare la città di Napoli all’altezza delle sue aspettative sotto il profilo culturale e artistico. A poche ore dal momento in cui aveva ammesso di non avere mai guardato nemmeno una puntata del reality show, salvo poi dimostrare una notevole conoscenza in termini di nomination e strategie, Masella infila una nuova gaffe, e questa volta rischia di far arrabbiare una parte del pubblico.

Che cosa ha detto Paolo Masella al Grande Fratello

Parlando con i coinquilini conosciuti durante questa sua prima esperienza televisiva, Paolo Masella ha fatto sapere di non considerare Napoli attrattiva come altre città italiane. “Per i miei gusti, Napoli non rientra nemmeno tra le mie 5 città preferite perché ha poca storia culturale e artistica. Direi prima Roma, poi Firenze…”. Quando Massimiliano Varrese si è opposto, provando a ricordargli quanto il capoluogo campano abbia da offrire, Masella ha proseguito: “Intendo che se ci vado in giro, personalmente, non ci vedo cose come il Colosseo, il Circo Massimo. In Italia ci sono regioni che mi trasmettono più cultura. A Firenze, ad esempio, c’è la galleria degli Uffizi”. Dichiarazioni che denotano una notevole mancanza di conoscenza del territorio. Se così non fosse, Paolo avrebbe saputo che Napoli gode di un patrimonio artistico, culturale e storico inestimabile rappresentato da luoghi come Napoli sotterranea, il Palazzo Reale, Castel Nuovo, Castel dell’Ovo, il Museo di Capodimonte, la Certosa di San Martino, la Galleria Borbonica, il Cristo Velato custodito nella Cappella di San Severo, la Flagellazione di Cristo di Caravaggio per non parlare di luoghi come gli scavi di Pompei o Ercolano a soli pochi chilometri da Napoli.

L’altra gaffe di Paolo Masella su nomination e strategie

Poche ore fa, Masella si è reso protagonista di un altro momento curioso. Dopo avere dichiarato di non avere mai visto il Grande Fratello, ha dimostrato di possedere una notevole conoscenza in termini di nomination e strategie, tanto da lanciarsi in una specie di lezione per la coinquilina Rosy Chin.

41.756 CONDIVISIONI
796 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views