19 Maggio 2022
15:26

I’m not gay, il reality russo che smaschera e punisce gli omosessuali censurato da Youtube

Otto episodi per una narrazione a dir poco raccapricciante: il “gioco” consiste nel tenere segregati in una casa di campagna un gruppo di uomini messi alla prova per verificare la loro virilità. Obiettivo: stanare l’unico omosessuale del gruppo.
A cura di Giulia Turco

Si intitola I'm not gay ed è l'inverosimile reality show russo che dà la caccia agli omosessuali. Otto episodi per una narrazione a dir poco raccapricciante: il "gioco" consiste nel tenere segregati in una casa di campagna un gruppo di uomini tra i 20 e i 55 anni messi alla prova con una serie di test fisici o meno per verificare la loro virilità. Obiettivo: stanare l'unico omosessuale del gruppo. Conduce Amiran Sardarov, consacrato re degli youtubers con quasi 6 milioni di follower, affiancato da Vitaly Milonov, il parlamentare della Duma noto per le sue esternazioni marcatamente anti LGBT+. In palio, per l'uomo più etero del gioco, ci sono 2 milioni di rubli, poco meno di 29mila euro.

You Tube censura I'm not gay perché lesivo di norme su molestie e bullismo

Soltanto i primi due episodi dello show hanno fatto in tempo a sbarcare su You Tube, prima che la piattaforma lo censurasse ritenendo i suoi contenuti lesivi delle norme su molestie e bullismo. Tutti gli episodi tuttavia continuano a circolare sul canale Telegram del programma e sul social network russo VK, dove sono stati caricate anche le puntate restanti. Le immagini del trailer circolate online comunque sono sufficienti a marcare la linea del programma. Bastano le immagini di uomini in slip mentre giocano a Twister sul tappeto provando provocatoriamente a stuzzicarsi a vicenda nel tentativo di sortire qualche reazione, gli spogliarelli di ragazze attraenti che dovrebbero suscitare in loro necessariamente qualche istinto animale. "Alcuni concorrenti non volevano baciare la ragazza, penso non volessero nemmeno andare con lei. Magari sono dei gay, anche molto strani", dice uno di loro.

Vitaly Milonov nel promo del programma
Vitaly Milonov nel promo del programma

C'è anche Vitaly Milonov il membro della Duma che voleva sterilizzare i gay

Indicativa della linea filo governativa che segue programma in tema di omosessualità è già di per sé la presenza di Vitaly Milonov, il parlamentare russo che affianca il conduttore, noto per le sue aberranti posizioni in tema di omosessualità. Tra le più note, quella legata alla "possibilità di confinare omosessuali e transessuali allo scopo di sterilizzarli". Anche nei panni di personaggio tv Milonov non rinuncia a stupire. Il suo ruolo sembra essere proprio quello del punitore, che con voce minacciosa invita concorrenti a guardarsi bene dal rivelare di essere gay, con tanto di ragazze al suo seguito fornite di fruste e strumenti di tortura erotica. "Solo uno di voi è gay, cerca di non far diventare fro*i tutti gli altri", dice ad uno di loro.

Il Sei Nazioni al via dal 5 febbraio su Sky, tutte le partite dell'Italia anche su Tv8
Il Sei Nazioni al via dal 5 febbraio su Sky, tutte le partite dell'Italia anche su Tv8
Ascolti tv: Le Iene con Belen partono in salita, la prima puntata schiacciata dalla Coppa Italia
Ascolti tv: Le Iene con Belen partono in salita, la prima puntata schiacciata dalla Coppa Italia
Drusilla Foer:
Drusilla Foer: "Mi fa gioire che le persone vogliano ascoltarmi, è un valore che si è smarrito"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni