28 Giugno 2022
11:02

Machine Gun Kelly: “Dopo la morte di mio padre chiamai Megan Fox e mi puntai un fucile in bocca”

Machine Gun Kelly nel documentario dedicato alla sua vita, Life in Pink, ha raccontato di un drammatico periodo vissuto dopo la morte del padre: “Persi la testa, un giorno chiamai Megan Fox e mi misi una canna da fucile in bocca”. La reazione dell’attrice gli cambiò la vita.
A cura di Gaia Martino

Megan Fox e Machine Gun Kelly stanno insieme dal 2019 e per molti rappresentano una coppia "fuori dal comune". Non hanno mai nascosto le loro stranezze, come l'abitudine di bere poche gocce del loro sangue. Dopo il matrimonio con Brian Austin Green, l'attrice e modella statunitense ha ritrovato l'amore e dopo aver ricevuto la proposta di matrimonio, attende le nozze con il rapper. Nel 2020 un episodio ha fatto tremare entrambi, lo ha raccontato Machine Gun Kelly nel documentario Life in Pink, su Disney+ dal 27 Giugno.

Il racconto di Machine Gun Kelly

Megan Fox si trovava in Bulgaria quando improvvisamente rispose alla telefonata del fidanzato Machine Gun Kelly che minacciava di suicidarsi. Dopo la morte del padre avvenuta nel 2020 il rapper cadde nell'"oscurità". "Andai a casa di mio padre per ripulirla dalle cose. Ebbi una strana interazione con un vicino, mi disse cose che non avrei voluto sentire. Questo mi fece arrabbiare ancora di più, non riuscivo a chiudere la questione. Non uscivo dalla stanza e iniziai a diventare molto cupo" ha raccontato secondo le parole riportate da People.

Megan era andata in Bulgaria per girare un film e io iniziai ad avere una paranoia pazzesca, che qualcuno sarebbe venuto ad uccidermi. Dormivo sempre con un fucile vicino al letto, e uno di quei giorni, sono scoppiato.

Chiamò la fidanzata Megan per rinfacciarle che non era al suo fianco, poi minacciò di uccidersi: "Chiamai Megan e le dissi: “Non sei qui per me”. Mi misi la canna del fucile in bocca e urlavo al telefono con la canna in bocca. Mentre lo caricavo, il fucile inceppò. Dall’altra parte del telefono c’era un silenzio di tomba ed è stato in quel momento che iniziai a capire che qualcosa non andava".

La reazione di Megan Fox

Ad intervenire e far cambiare idea al cantante furono la sua fidanzata Megan Fox e la figlia Casie Baker.

Mi dissero contemporaneamente: ‘Voglio poterti vedere negli occhi'. Non voglio parlare con te attraverso un velo. Voglio vederti come mio padre e voglio vederti come mio futuro marito. Pensai: ‘Devo abbandonare le droghe, per davvero questa volta'.

Le parole delle persone che ama di più al mondo gli hanno salvato la vita: "Megan è come il sole per me, come quello su cui giro e mi dà vita e mi aiuta a crescere".

L'alcol, la droga e il tentativo di suicidio di Machine Gun Kelly: il rapper salvato da Megan Fox
L'alcol, la droga e il tentativo di suicidio di Machine Gun Kelly: il rapper salvato da Megan Fox
Machine Gun Kelly si spacca il bicchiere sul viso prima di cantare
Machine Gun Kelly si spacca il bicchiere sul viso prima di cantare
Machine Gun Kelly si spacca un bicchiere in faccia, poi continua a cantare sanguinante
Machine Gun Kelly si spacca un bicchiere in faccia, poi continua a cantare sanguinante
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni