video suggerito
video suggerito

Claudio Lippi scrive a Roberto Sergio su LinkedIn: “Aspetto ancora di essere reintegrato in Rai”

Sul social utile a cercare lavoro, lo storico conduttore chiede al futuro direttore generale Rai di essere reintegrato: “Sto ancora aspettando. Lei ha voluto credere a uno dei suoi dirigenti, uno per tutti Coletta, solo per quieto vivere”.
1.333 CONDIVISIONI
Immagine

Claudio Lippi scrive alla Rai e al suo amministratore delegato Roberto Sergio su LinkedIn. Sul social utile a cercare lavoro, lo storico conduttore commenta un post del futuro direttore generale, in ricordo per la scomparsa di Pier Francesco Forleo, ex dirigente del servizio pubblico, premettendo che "questa non è la situazione più ideale". Ma, si sa, il lavoro è lavoro: "Sto ancora aspettando di essere reintegrato dopo essere stato escluso dall’Azienda dopo anni di onorato servizio".

L'appello di Claudio Lippi

Nel messaggio, Claudio Lippi menziona tutti quelli che hanno avuto un contratto durante l'ultima stagione e la prossima, piccatissimo per il mancato reintegro nel servizio pubblico. L'ex giudice di Tale e Quale Show ha tirato in ballo Pino Insegno, Massimo Giletti, Stefano De Martino e Piero Chiambretti. Poi, Claudio Lippi ha lanciato una stoccata a Stefano Coletta:

Sto ancora aspettando di essere reintegrato dopo essere stato escluso dall’Azienda dopo anni di onorato servizio per una decisione che non ha previsto un confronto democratico con la mia versione di una intervista mai rilasciata e alla quale lei ha voluto credere per quieto vivere con i suoi ‘dirigenti' (uno per tutti il Dott. Coletta). Temo che ormai sia tardi perché lei mi proponga un contratto come ha fatto per Insegno, Giletti, De Martino, Chiambretti. Ma io ho un’ottima memoria. Buona fortuna per il prossimo incarico.

Perché Claudio Lippi è fuori dalla Rai

Ma perché Claudio Lippi è fuori dalla Rai? Per alcune dichiarazioni rilasciate all'agenzia Dire nel giugno 2023 proprio all'indirizzo di Stefano Coletta: "Per fortuna non c’è più, ha fatto lavorare gay e gaie solo per il motivo di esserlo. Tanti e tante che non avevano alcuna competenza, la Rai usata per fare coming out. Ma le pare? Allora anche noi etero dovremmo fare coming out, no?". Dopo queste dichiarazioni, da Viale Mazzini si escludeva qualsiasi tipo di collaborazione presente e futura con il conduttore.

1.333 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views