8.942 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Flavia Vento: “Con Totti ci siamo amati due volte, venne a casa mia prima di sposare Ilary Blasi”

Flavia Vento vuota il sacco e racconta la sua versione dei fatti a proposito della notte di passione che sostiene di avere vissuto con Francesco Totti poco prima del matrimonio con Ilary Blasi: “Ci amammo nel 2001 e nel 2005. Pensavo che dopo la notte a casa mia, sarebbe andato in crisi all’idea di sposarsi”.
A cura di Stefania Rocco
8.942 CONDIVISIONI
Immagine

Flavia Vento vuota il sacco e, a distanza di quasi 20 anni dai presunti fatti, racconta la sua versione a proposito della relazione che sostiene di avere vissuto con Francesco Totti. “In tutti questi anni mi sono presa solo insulti, parole irripetibili da parte dei tifosi della Roma e sono stata etichettata come una bugiarda sia da Ilary sia da Francesco, quando da quest’ultimo, in particolare, mi sarei aspettata invece un ringraziamento. Sì, un grazie per essere stata zitta, discreta, un grazie per avere difeso la sua vita e il suo matrimonio, con il mio silenzio e, invece, ecco come sono stata ripagata”, ha raccontato la ex showgirl in un’intervista rilasciata al settimanale DiPiù, “Perché la verità è un’altra, ho avuto paura all’inizio, è vero. Per questo, in un primo momento, ho ritrattato e ho cercato di non parlarne più. Poi sono credente e per me il matrimonio è un vincolo sacro, c’erano anche bambini di mezzo, non volevo farli soffrire. Ecco, ho cercato di tutelare tutti, tranne me stessa”.

Flavia Vento: “Con Francesco Totti nel 2001 e nel 2005”

Vento racconta di una conoscenza avvenuta in due tappe: il primo incontro avvenuto nel 2001, seguito da un secondo ritorno di fiamma nel 2005 poco prima del matrimonio tra Ilary e Totti. “Io avevo ventiquattro anni, ero la ragazza sotto il tavolino del programma televisivo Libero, di Teo Mammucari. Francesco aveva venticinque anni, era il capitano della Roma dello scudetto. Ci siamo incontrati in una festa, appena mi ha visto mi ha subito chiesto il numero di telefono”, sostiene la donna, “Mi chiamò la sera stessa e poi siamo andati a prendere un gelato in Prati, un quartiere elegante di Roma. Da quella sera è iniziata una relazione tra noi, una cosa bella, fresca, tra ragazzi. Lui veniva qui a casa mia, ma ho frequentato anche i suoi amici, andavamo a cena a La Villetta, un ristorante che ama, nei pressi del centro. Andavo anche allo stadio, tifavo. Quello poi, le dicevo, per la Roma è stato un anno magico. A Francesco ripetevo: ‘Hai visto, ti porto fortuna’. Lui rideva, mi abbracciava. È stato tutto bellissimo”.

L’incontro nel 2005 a poche settimane dal matrimonio con Ilary Blasi

Secondo Vento, il secondo incontro con Totti sarebbe avvenuto per caso nel 2005 a poche settimane dal matrimonio con Ilary Blasi, all’epoca incinta del primogenito Cristian: “Fu un incontro casuale. Eravamo in un ristorante a Trastevere. Io a un tavolo con alcuni amici, lui a un altro. Questo lo ha scritto anche Francesco nel suo libro, ma non ha raccontato il resto. Appena ci siamo visti, ci brillavano gli occhi, come se avessimo ritrovato l’intesa, si capiva dal modo in cui ci guardavamo che desideravamo stare insieme. Sapevo che stava per sposarsi, ne parlavano tutti i giornali. Ma, in quel momento, non eravamo razionali, parlava il cuore. Appena usciti, siamo andati a casa mia. Quella notte ci siamo amati, è stato molto bello. Tra noi c’era un’alchimia fisica e mentale molto forte. Poi lui ha detto che non poteva dormire da me e ci siamo salutati con dolcezza”. Infine un’accusa a Totti che, sostiene Vento, avrebbe smesso di contattarla a partire da quel secondo incontro:

Ero convinta che non sarebbe finita lì, che Francesco sarebbe stato in crisi all’idea di sposarsi. Era troppo forte quello che avevamo vissuto. Almeno da parte mia. Invece non mi è arrivato neanche un messaggio e anche io, ferita, non l’ho più cercato. Mi sono sentita usata, non me lo meritavo, ma ho mantenuto il silenzio per tutti questi anni.

8.942 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views