Festival di Sanremo 2022
21 Gennaio 2022
19:59

Svelata la scenografia di Sanremo 2022: “Un’astronave giunta in un luogo da cui ripartire insieme”

Tutti i segreti della scenografia del Festival di Sanremo 2022, realizzata da Gaetano e Maria Chiara Castelli: “Abbiamo voluto esprimere la speranza che quell’astronave, disegnata lo scorso anno, sia finalmente giunta in un luogo dal quale ripartire tutti”.
A cura di Daniela Seclì
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Festival di Sanremo 2022

Il Festival di Sanremo 2022 è ormai alle porte. Venerdì 21 gennaio, è stata diffusa la scenografia che farà da cornice allo spettacolo. A realizzarla sono stati Gaetano e Maria Chiara Castelli, che hanno strizzato l'occhio a quella sorta di astronave disegnata lo scorso anno e che aveva il compito di portare tutti verso un futuro migliore, dopo la  pandemia: “Abbiamo voluto esprimere la speranza che quell’astronave, disegnata lo scorso anno, sia finalmente giunta in un luogo dal quale ripartire tutti”.

La richiesta di Amadeus per la scenografia

Gaetano e Maria Chiara Castelli hanno raccontato di avere avuto un incontro con il direttore artistico e conduttore del Festival di Sanremo 2022, Amadeus, che ha fatto loro alcune richieste circa l'atmosfera che intendeva ricreare con la scenografia:

"Quando abbiamo incontrato Amadeus ad agosto ci ha chiesto di mantenere la scala e la posizione dell'orchestra, con gli opportuni distanziamenti, ma di immaginare qualcosa di diverso, un disegno tra passato e futuro".

Una scenografia accogliente, che guarda alla tradizione

Gaetano e Maria Chiara Castelli hanno spiegato di avere fatto "un restyling del classico", come richiesto dal conduttore. Dunque, hanno guardato alla tradizione e hanno tratto ispirazione: "A partire dalla riscoperta del colore bianco, con materiali tridimensionali traforati, e abbiamo rivisitato un elemento come il sipario, rendendolo superleggero e trasparente, davanti al boccascena. Abbiamo ridotto, inoltre, i metri quadri di ledwall a favore della costruzione scenica e delle luci". Quindi hanno concluso:

"La tecnologia farà la sua comparsa in tre grandi ellissi di sei e nove metri, tutte rivestite di luci e motorizzate, in grado di offrire al regista Stefano Vicario e al direttore della fotografia Mario Catapano una grande versatilità scenica e possibilità di movimento quasi infinite. Le forme curve creano una prospettiva profonda e accogliente: in qualche modo, una sintesi tra le scenografie dei due Festival precedenti di Amadeus e abbiamo voluto, con queste forme, esprimere anche la speranza che quell'astronave, disegnata lo scorso anno, sia finalmente giunta in un luogo dal quale ripartire tutti".

571 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni