317 CONDIVISIONI
Premi Oscar 2024

Michelle Yeoh vince l’Oscar a 60 anni: “Donne, non permettete a nessuno di dirvi che è troppo tardi”

L’attrice di Everything Everywhere All at Once, 61 anni ad agosto, ha sottolineato il fatto che il suo primo riconoscimento sia arrivato in una fase matura della sua carriera e della sua vita. Pochi giorni prima sui social lamentava che le minoranze etniche non venissero prese in considerazione dall’Accademy da oltre 20 anni.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Giulia Turco
317 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Premi Oscar 2024

La vittoria di Michelle Yeoh come miglior attrice nella notte degli Oscar 2023 farà la storia. L’interprete protagonista del film vincitore Everything Everywhere All at Once è infatti la prima donna asiatica a portate a casa la statuetta per la sua categoria. Nel lungometraggio, premiato come miglior film, Yeoh è un’immigrata sino-americana che, secondo la giuria, ha incarnato a pieno l’anima del film.

Il discorso di Michelle sul palco degli Oscar 2023

Salita sul palco carica di emozione, l’attrice, 61 anni il prossimo agosto, ha sottolineato il fatto che il suo primo riconoscimento sia arrivato in una fase già matura della sua carriera e della sua vita personale. La sua vittoria vuole essere un messaggio contro ad ogni tipo di pregiudizio o freno imposto dalla società. “Per tutti i bambini e le bambine che mi stanno guardando stasera: questo è un faro di speranza e possibilità, questa è la prova che i grandi sogni di avverano”, ha detto con la voce rotta dall’emozione. “E ragazze, non permettete a nessuno di dirvi che avete superato l’apice dei vostri anni”. 

Il post di Michelle Yeoh su Cate Blanchett poi cancellato

A poche ore dalla proclamazione dei vincitori, l’attrice interprete di Everything Everywhere All at Once aveva condiviso sui social un articolo di Vogue che parlava delle vittorie collezionate da Cate Blanchett agli Academy, prima con il film The Aviator nel 2005, poi con Blue Jasmin nel 2014. Il pezzo si soffermava su un altro dato di fatto: da oltre 20 anni la statuetta come miglior attrice non viene assegnato all’esponente di una minoranza etnica. L’accusa, nemmeno troppo velata, è le diversità venissero ignorate. “Questo non vale solo per me, vale per ogni ragazza che mi somiglia. Vogliamo essere notate. Vogliamo essere ascoltate”, ha scritto accompagnando il post che, a poche ore dalla premiazione, è stato cancellato. Stando al regolamento dell’Academy infatti, fare riferimento ad altro candidati è espressamente vietato.

317 CONDIVISIONI
63 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views