5.112 CONDIVISIONI
Eurovision Song Contest 2022
13 Maggio 2022
14:00

Chi sono i Kalush Orchestra, la band Ucraina in finale all’Eurovision 2022 con la canzone “Stefania”

Chi è la Kalush Orchestra, il gruppo musicale che rappresenta l’Ucraina all’Eurovision Song Contest 2022: sono i favoriti per la vittoria finale con la loro canzone “Stefania”.
A cura di Vincenzo Nasto
5.112 CONDIVISIONI
La Kalush Orchestra, i rappresentanti ucraini per l’ESC 2022 di Torino
La Kalush Orchestra, i rappresentanti ucraini per l’ESC 2022 di Torino
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Eurovision Song Contest 2022

La Kalush Orchestra è la band che rappresenta l'Ucraina alla finale dell'Eurovision Song Contest 2022: sono i grandi favoriti per la vittoria dopo la standing ovation ottenuta durante la prima serata del festival musicale. Il trio, i cui componenti principali sono il rapper Oleh Psyuk, il polistrumentista Ihor Didenčuk e il producer MC Kilimmen, è formato da diversi membri tra band e cori. Sono riusciti a raggiungere Torino nonostante la guerra e cantano "Stefania", canzone dedicata inizialmente alla padre di Psyuch, successivamente a tutte le madri dell'Ucraina. Il nome della band viene dalla città occidentale di Kaluš, ai piedi dei monti Carpazi.

La canzone "Stefania" è un brano di stampo patriottico che riesce a combinare le melodie tradizioni ucraine con un linguaggio urban moderno: la figura della madre al centro del racconto, che talvolta si figura anche nell'immagine della patria stessa. Inizialmente, a causa del conflitto contro la Russia, si sospettava una partecipazione non dal vivo, almeno prima del permesso concordato con il governo ucraino per lasciare il paese. Hanno raccontato che uno dei componenti è rimasto a Kiev per combattere, e alla vigilia della semifinale si sono resi protagonisti di una versione inedita di "Brividi" insieme a Mahmood e Blanco.

Chi sono Oleh Psjuk, Ihor Didenčuk e MC Kilimmen, componenti della Kalush Orchestra

Anche se formata da sette componenti, tra cui orchestra e cori, i protagonisti della Kalush Orchestra sono essenzialmente tre: Oleh Psyuk, Ihor Didenčuk e MC Kilimmen. I tre si sono uniti come terzetto nel 2019, un incontro musicale che ha scombussolato anche l'evoluzione urban della musica ucraina: un universo più leggero rispetto al rap di T-Fest e meno glamour rispetto ad Alina Paš. Forse anche per questo, al concorso musicale a cui avevano partecipato per accedere all'Eurovision Song Contest 2022, era stata favorita la cantante, che si è poi in seguito dovuta ritirare per la contestazione pubblica di un viaggio in Crimea. Dalla voce di Psjuk alle produzioni di Didenčuk e MC Kilimmen, i Kalush Orchestra sono riusciti ad abbracciare due mondi, quello moderno e quello tradizionale, raccontando un patriottismo legato alla figura materna, che è involontariamente diventata anche un inno contro il conflitto attuale. All'attivo la band ha un solo album, quello d'esordio, con cui ha conquistato il pubblico ucraino: "Hotin" infatti è stato uno dei protagonisti dello YUNA, l'equivalente del Grammy in Ucraina, dove il progetto ha collezionato sei nomination.

I Kalush favoriti con la canzone "Stefania": a chi è dedicata

Sarà "Stefania" la protagonista sul palco del PalaOlimpico di Torino per l'Eurovision Song Contest 2022, il brano presentato dalla Kalush Orchestra. Il singolo, presentato durante la competizione canora nazionale, è scritto interamente in lingua ucraina e ruota intorno alla figura della madre, alcune volte legata al ruolo genitoriale, altre volte utilizzato come metafora per descrivere la patria e la sicurezza delle sue terre. Ciò che inizialmente doveva essere una dedica alla madre di Psyuk, come confessato dal produttore artistico Oleksii Zhembeovskyi, è diventato un inno nazionale, con riferimenti alla patria che salvaguardia i suoi figli. Anche per questo tenore del brano, in uno spazio tempo parallelo al conflitto contro la Russia, "Stefania" della Kalush Orchestra è tra le canzoni favorite alla vittoria finale della competizione, a pari merito con "Brividi" di Blanco e Mahmood. Anche i media li stanno trattando da star, come hanno confessato sul loro profilo Instagram, in cui hanno parlato di quanto tempo passano al giorno in interviste e prove per la semifinale.

5.112 CONDIVISIONI
151 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni