16 Novembre 2013
13:16

Sullo scontrino la frase omofoba contro la cameriera: “Niente mancia, sei gay”

Una famiglia, dopo aver mangiato in un ristorante, non ha lasciato la mancia alla cameriera e ha spiegato anche il perché direttamente sullo scontrino della consumazione: “Mi dispiace ma non posso lasciare la mancia perché non approvo il tuo stile di vita”.
A cura di Susanna Picone

Una donna ha deciso di non lasciare la mancia alla cameriera che aveva servito lei e la sua famiglia in un ristorante del New Jersey in quanto “non approva il suo stile di vita”. E ha comunicato alla cameriera questa sua decisione direttamente sullo scontrino della consumazione: “Mi dispiace ma non posso lasciare la mancia perché non approvo il tuo stile di vita”. La cameriera in questione si chiama Dayna Morales, è una ex Marine che ha raccontato che quando si è presentata alla famiglia al ristorante, la donna le ha detto: “Ci hai colto di sorpresa, pensavamo che ti chiamasse Dan!”.

La denuncia della cameriera discriminata – La stessa cameriera, che ha ricevuto la solidarietà del proprietario del ristorante, ha denunciato l’episodio di omofobia di cui è stata vittima sul blog “Have a Gay Day”, dove ha pubblicato anche la foto dello scontrino con il messaggio della famiglia. Al blog la cameriera ha inviato il suo commento a quanto accaduto: “Sono profondamente offesa, arrabbiata e ferita che questo è il modo in cui crescerà i suoi figli e che ho servito nei Marines per vedere persone così ignoranti andare liberamente in giro. Mi dispiace ma sono io che non sono d’accordo con il tuo stile di vita e con la maniera in cui cresci i tuoi figli eppure io non te lo vengo a sbattere in faccia né ti do un servizio peggiore al ristorante. Tieni quella boccaccia chiusa e prega che non ci incontriamo più”.

"Da una coppia gay difficilmente nasce qualcosa": polemica sulla frase dell'esponente leghista veneto
A Porto Cervo 200 euro per un cesto di frutta, la denuncia del tiktoker con tanto di scontrino
A Porto Cervo 200 euro per un cesto di frutta, la denuncia del tiktoker con tanto di scontrino
“Io, cameriera, lavoro 7 giorni su 7, se chiedo un giorno libero mi fanno ‘dispetti’: non è giusto”
“Io, cameriera, lavoro 7 giorni su 7, se chiedo un giorno libero mi fanno ‘dispetti’: non è giusto”
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni