4.625 CONDIVISIONI
28 Novembre 2020
14:40

Dichiarato morto, si risveglia in obitorio e comincia ad urlare

Peter Kigen, 32enne che vive in Kenya, era svenuto a casa dopo una caduta. Secondo suo zio, Denis Langat, l’uomo “soffriva di un mal di stomaco che ci ha costretti a portarlo d’urgenza in ospedale”. Un’infermiera ne avrebbe certificato “superficialmente” il decesso. Dopo la sua “resurrezione”, Peter ha annunciato che intende dedicare la sua vita all’evangelizzazione .
A cura di B. C.
4.625 CONDIVISIONI

Dopo essere stato ricoverato in codice rosso a seguito di una caduta in casa, Peter Kigen, che vive in Kenya, era stato dato per morto e portato in obitorio. Con grande sorpresa degli assistenti della sala mortuaria, l’uomo ha ripreso conoscenza proprio mentre lo stavano sistemando nella bara. Secondo suo zio, Denis Langat, il 32enne “soffriva di un mal di stomaco che ci ha costretti a portarlo d’urgenza in ospedale”.

Un’infermiera del Kapkatet Hospital avrebbe controllato “superficialmente” il paziente prima di dichiararne il decesso, come ha riferito Langat al Daily Star Online. Kigen è stato trasferito all’obitorio del nosocomio di Kapkatet e il personale ha subito iniziato a prepararlo per la sepoltura. Come parte del processo di imbalsamazione, il sangue viene rimosso dal corpo attraverso le vene e sostituito con sostanze chimiche a base di formaldeide, che vengono iniettate attraverso le arterie. Stando a quanto riportano i media locali, nel corso di questa procedura l’uomo avrebbe ripreso conoscenza: un urlo di dolore.

Il fratello minore del signor Kigen, Kevin Kipkurui, ha detto alle testate locali che l’impresario di pompe funebri lo ha chiamato dall’obitorio per renderlo partecipe di ciò che stava accadendo. “Siamo rimasti scioccati. Non riuscivamo a capire come sia stato possibile portare una persona ancora viva in obitorio”, ha poi detto suo fratello. Lo stesso Peter, parlando dal suo letto d’ospedale, è ancora sotto choc per la sua ‘risurrezione’: “Non posso credere a quello che è appena successo”, ha detto. “Come hanno stabilito che ero morto?”. Kigen ha poi ammesso di essere "felice di essere vivo" e "ha annunciato che intende dedicare la sua vita all'evangelizzazione".

Mentre la famiglia del signor Kigen punta il dito contro il personale dell’ospedale, il sovrintendente medico dell’ospedale Kapkatet, Gilbert Cheruiyot, ritiene invece che la colpa sia proprio dei parenti del 32enne: “Erano talmente certi che fosse deceduto da non attendere nemmeno la certificazione di morte”, ha detto lo specialista.

“L’hanno trasferito loro all’obitorio, da soli”, ha poi aggiunto. “I medici hanno chiesto ai parenti di Kigen di aspettare un pò, ma li hanno accusati di perdere troppo tempo e hanno deciso di portarlo all’obitorio”. Il dottor Cheruiyot ha detto che ci sono volute tre ore per rianimare completamente il paziente e che l’uomo sarà stato dimesso in “pochi giorni”.

4.625 CONDIVISIONI
Violenza ostetrica, Martina: “Offesa durante il parto, la ginecologa diceva che sapevo solo urlare”
Violenza ostetrica, Martina: “Offesa durante il parto, la ginecologa diceva che sapevo solo urlare”
11 di Videonews
Da oggi comincia l’ondata di freddo più intensa e lunga dell’inverno: le previsioni meteo di Giuliacci
Da oggi comincia l’ondata di freddo più intensa e lunga dell’inverno: le previsioni meteo di Giuliacci
Morto Marco Tropea, l'editore e traduttore aveva 80 anni
Morto Marco Tropea, l'editore e traduttore aveva 80 anni
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni