12 Luglio 2022
13:22

Vertici Acea Ato 2 a processo: sono accusati di disastro ambientale del Lago di Bracciano

Dovranno rispondere dell’accusa di disastro ambientale aggravato otto persone ai vertici di Acea Ato 2 per i prelievi durante la crisi idrica del Lago di Bracciano, che nel 2017 causò ripercussioni sull’ecosistema.
A cura di Alessia Rabbai
Il Lago di Bracciano durante la crisi idrica (Foto di ottobre 2017)
Il Lago di Bracciano durante la crisi idrica (Foto di ottobre 2017)

Sono finiti a processo i vertici di Acea Ato 2 Spa e dovranno rispondere dell'accusa di disastro ambientale aggravato per i prelievi nel Lago di Bracciano. Si tratta di Paolo Tolmino Saccani, Giuseppe Baisi, Emanuela Cartoni, Andrea Bossola, Annaclaudia Bonifazi, Stefania Stera, Carmelo Intrisano e Marco Rapo. Gli otto imputati, membri del Consiglio di Amministrazione di Acea Ato 2, ricoprirono le posizioni apicali nel 2017, periodo in cui il bacino sabatino nella provincia a Nord di Roma ha sofferto di una grave crisi idrica, che ha avuto ripercussioni sull'intero ecosistema lacustre.

A formulare le accuse è stato il sostituto procuratore Delio Spagnolo. Il giudice Giuseppe Coniglio ha stabilito il rinvio a giudizio, al termine dell'udienza preliminare, che si è svolta stamattina al Tribunale di Civitavecchia. La prima udeinza del processo è in calendario per il 4 maggio 2023. Gli altri imputati del procedimento penale precedentemente coinvolti, ossia i cittadini proprietari dei terreni limitrofi al lago, sono stati prosciolti con sentenza di non luogo a procedere.

Acea Ato 2: "Verrà accertata l'assenza di responsabilità"

Acea Ato 2 Spa in una nota ha commentato il pronunciamento del gup, dichiarandosi "certa che nel corso del dibattimento, verrà accertata l’assenza di qualsivoglia responsabilità in capo alla società e alle persone fisiche coinvolte nel processo, che hanno sempre operato nel più rigoroso rispetto della normativa vigente. Il giudice dell'udienza preliminare, per legge, non può compiere valutazioni e approfondimenti sull'innocenza degli imputati, stante l’impossibilità, in questa fase del procedimento, di svolgere i necessari accertamenti sul merito dei fatti oggetto di contestazione".

"Il recupero sarà un processo lento e graduale"

"Le istituzioni del Lago prendono atto di come il giudice nella sua scelta abbia ben compreso quanto fosse importante tutelare l’ecosistema lacustre, che solo grazie allo stop ai prelievi, è riuscito a recuperare centimetri preziosi in questi anni – dichiarano Ente Parco di Bracciano e Martignano, Consorzio e Comuni in una nota congiunta – Oltre a permanere le alterazioni dell'ecosistema per il quale proseguiranno le attività di monitoraggio, il livello del lago di Bracciano si attesta oggi a -115 centimetri rispetto allo zero idrometrico fissato a 163,04 sul livello del mare: oltre 80 centimetri al di sotto del valore medio registrato negli ultimi cento anni. Come previsto dagli esperti infatti, il bacino sabatino è lontano dal raggiungere il livello soglia: sarà un processo lento e graduale". Il Lago fanno sapere le istituzioni territoriali "è pronto ad accogliere i numerosi turisti che ogni anno tornano a frequentare le sue rive".

L’asta idrometrica a luglio 2022
L’asta idrometrica a luglio 2022

"Ora anche il ministero della Transizione Ecologica si costituisca parte civile"

Sul rinvio a giudizio formulato dal giudice è intervenuto anche il comitato per la Difesa del Bacino Lacuale Bracciano Martignano, parte lesa nel procedimento: "La decisione del giudice dà soddisfazione alle nostre istanze e costituisce un passo importante in vista dell’accertamento delle responsabilità di quanto accadde nel 2017 con i prelievi spregiudicati da parte di Acea Ato 2 in spregio alla tutela di una risorsa ambientale come il lago di Bracciano". A sostenere il comitato un team di legali, con gli avvocati Francesco Falconi, Simone Calvigioni, Mario Lepidi e Marco Marianello.

"Continueremo a far valere le nostre istanze in ogni ambito a tutela di un lago che costituisce il tesoro identitario di un territorio non a caso al centro di un Parco Regionale e tutelato a livello europeo – spiegano ancora dal comitato – non permetteremo alcuna ripresa delle captazioni finché il livello del lago non ritorni quello naturale". Il Comitato per la Difesa del Bacino Lacuale Bracciano-Martignano ha inoltre rinnovato l’appello al ministero della Transizione Ecologica, chiamato a prendere una posizione chiara e sulla vicenda con la richiesta di costituirsi parte civile.

Al Lago di Bracciano è ancora emergenza

Nonostante siano trascorsi cinque anni dalla grave crisi idrica il Lago di Bracciano è ancora in emergenza. Già provato dai prelievi in passato, che al momento lo ricordiamo sono fermi, la sfida è il grande caldo di questa estate, che sta mettendo alla prova laghi e fiumi italiani, tra i quali il Tevere, che è in secca. Per ora i sindaci del territorio rassicurano sul fatto che i prelievi di Acea Ato 2 non riprenderanno. Nel fattempo, come le estati scorse, i sindaci dei tre Comuni rivieraschi Trevignano Romano, Anguillara Sabazia e Bracciano hanno emesso ordianze con misure preventive, per limitare l'uso dell'acqua per evitare razionamenti, vietando l'irrigazione di orti e giardini, il riempimento di piscine, il lavaggio dei veicoli, delle pavimentazioni esterne, gli usi ludici".

 
Civitavecchia senz'acqua a causa del maltempo: quando verrà ripristinato il servizio idrico
Civitavecchia senz'acqua a causa del maltempo: quando verrà ripristinato il servizio idrico
Raoul Bova accusato di aver evaso 417mila euro: niente processo, scatta la prescrizione
Raoul Bova accusato di aver evaso 417mila euro: niente processo, scatta la prescrizione
Turista si sente male, Gianluca tassista eroe gli salva la vita con il defibrillatore
Turista si sente male, Gianluca tassista eroe gli salva la vita con il defibrillatore
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni