La Direzione regionale Salute e integrazione sociosanitaria della Regione Lazio ha inviato una nota a tutte le Asl del territorio in cui si chiede di sospendere, a causa dei ritardi nella fornitura dei vaccini Pfizer, la somministrazione delle prime dosi. Le scorte in magazzino, quindi, saranno utilizzate, fino a nuovo ordine, soltanto per i richiami. Nel Lazio sono state somministrate oltre 125mila dosi di vaccino, ma solo 7mila persone, ad oggi, hanno ricevuto anche la seconda dose. Questo significa che 100mila dosi dovranno essere destinate ai richiami per le persone che finora hanno ricevuto la prima dose. A questo scopo la Regione Lazio aveva già conservato il 30 per cento delle dosi ricevute, proprio per evitare problemi, che in effetti si sono verificati. Secondo i dati forniti dal commissario Arcuri il Lazio ad oggi avrebbe consumato l'84 per cento delle dosi ricevute. In tutta Italia sono state somministrate oltre un milione e duecento dosi di vaccino, oltre 700mila agli operatori sanitari, quasi 400mila agli operatori non sanitari, 104mila agli ospiti delle strutture per anziani e quasi 11mila agli anziani over 80.

La Commissione europea ha fatto sapere che dalla prossima settimana le consegne dei vaccini Pfizer torneranno al 100 per cento delle dosi previste settimanalmente. I ritardi accumulati dovrebbero essere assorbiti entro metà febbraio. Se il problema nelle consegne è stato transitorio, ha dichiarato il coordinatore del Comitato tecnico scientifico italiano, Agostino Miozzo, "il ritardo potrà essere recuperato nelle prossime settimane. Dai dati forniti dal commissario Arcuri la seconda dosa pare essere garantita per tutti quelli che hanno già fatto la prima. Pfizer è pronta a recuperare il ritardo che e' non di produzione ma di carattere logistico".

Da febbraio via alla fase 2: come prenotare il vaccino per gli over 80

Da lunedì 25 gennaio sarà possibile prenotare il vaccino anti Covid sul portale Salute Lazio per chi ha un'età pari o superiore a 80 anni. Per prenotare sarà sufficiente il codice fiscale. Sarà possibile scegliere uno dei 100 punti di somministrazione che verranno allestiti su tutto il territorio.

Le somministrazioni partiranno dal primo febbraio al 31 di marzo. Sempre dal primo febbraio sarà possibile prenotare il vaccino anche attraverso il medico di famiglia: la prenotazione sarà gestita direttamente dal medico e la somministrazione avverrà presso lo studio oppure in studi aggregati.