Un ragazzo è stato trovato morto sul lungotevere Arnaldo da Brescia a Roma. Il cadavere è stato rinvenuto all'interno di una barca nel pomeriggio di ieri, sabato 21 novembre. Secondo i primi accertamenti la vittima sarebbe un ventiquattrenne. Ricevuta la chiamata al Numero Unico delle Emergenze 112, sul posto sono intervenuti gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Villa Glori, che ha svolto gli accertamenti del caso e la Scientifica, che si è occupata dei rilievi. Sul corpo, che al momento del rinvenimento era disteso su un materasso presente nella barca ondeggiante in acqua, da quanto si apprende dalle prime osservazioni, non sono stati trovati segni di violenza.

Le ipotesi della morte sono malore od overdose

Dalle prime ipotesi formulate dagli investigatori, il decesso risalente probabilmente a qualche ora prima che il ventiquattrenne venisse trovato, potrebbe essere sopraggiunto a causa di un malore che lo colto all'improvviso, o di un'overdose provocata dall'uso di sostanze stupefacenti. Queste sono al momento le ipotesi formulate. Per questo chi indaga dovrà tener conto anche del giro della droga in città e in queste ore ha rintracciato parenti e amici del ragazzo, per ascoltarli e reperire informazioni utili a ricostruire i suoi ultimi spostamenti. Da capire perché il giovane si trovasse a bordo dell'imbarcazione, se abitasse lì o se fosse ospite di qualcuno e se, prima di morire, ci fossero altre persone insieme a lui, che potrebbero essersi allontanate.

Sulla salma del ragazzo trovato morto sul Tevere sarà svolta l'autopsia

Terminate le verifiche sul posto, che hanno riguardato anche l'area circostante, alla ricerca di eventuali indizi utili per ricostruire le ore precedenti al decesso, la salma è stata trasferita in obitorio, dove si trova a disposizione dell'Autorità Giudiziaria, per lo svolgimento dell'autopsia, che verrà effettuata nei prossimi giorni. I risultati degli esami autoptici svolti dal medico legale potranno aiutare chi indaga a far luce sulle cause che hanno portato alla morte del ragazzo.