326 CONDIVISIONI

Precari protestano al locale della chef Cristina Bowerman: “Basta paghe da fame nella ristorazione”

Alla vigilia del primo maggio, i precari della ristorazione si sono recati davanti il ristorante della chef stellata Cristina Bowerman a Trastevere per denunciare le condizioni di lavoro cui molti sono costretti.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Roma Fanpage.it
A cura di Natascia Grbic
326 CONDIVISIONI
Immagine

"Il settore della ristorazione è uno di quelli che sconta più problemi nel mondo del lavoro. Precarietà, assenza di contratti, di diritti, di tutele. Eppure la vulgata è che i giovani non vogliono lavorare, fare gavetta e spaccarsi la schiena. Non in cambio di soldi, ma di riconoscenza, magari in qualche ristorante con le stelle Michelin come quello che abbiamo di fronte". Alla vigilia del primo maggio, festa dei lavoratori, il sindacato Clap ha organizzato una protesta nel quartiere di Trastevere a Roma. Protesta che è passata anche davanti il ristorante della chef Cristina Bowerman. La contestazione ha preso piede in seguito alle parole di numerosi chef stellati, che negli ultimi giorni hanno lamentato mancanza di personale e accusato i giovani di non aver voglia di lavorare. Questi ‘giovani' hanno però preso parola e deciso di respingere al mittente le accuse, spiegando che "non è la voglia di lavorare che manca: quello che non c'è sono i salari dignitosi".

Alla contestazione organizzata di fronte al ristorante di Cristina Bowerman hanno partecipato una trentina di persone. Il ristorante è stato scelto dai precari come luogo simbolico di protesta dopo le parole di molti chef stellati in relazione ai giovani e alla loro presunta voglia di non lavorare. "Le paghe nel mondo della ristorazione sono misere – spiega Emanuele De Luca, delegato delle Clap – Non ci sono diritti né tutele. Non ne possiamo più del lavoro nero, dei fuori busta, di non avere diritto né alle ferie né alla malattia. Oggi, alla vigilia del primo maggio, abbiamo voluto organizzarci per dire che vogliamo salario minimo per tutti. Alziamo i salari, la testa, e abbassiamo lo sfruttamento".

Numerose le polemiche sorte negli ultimi giorni a causa delle parole di Alessandro Borghese, chef molto noto in Italia. Borghese ha usato parole molto dure nei confronti dei giovani, spiegando che questi oggi ‘cercano garanzie'. Eppure sono tanti i ragazzi che lavorano nella ristorazione. Spesso con paghe molto basse, contratti irrisori o inesistenti.  "Non credo che la figura del cuoco sia in crisi, ma ci si è accorti che non è un lavoro tutto televisione e luccichii. Si è capito che è faticoso e logorante – le parole di Borghese – E mentre la mia generazione è cresciuta lavorando a ritmi pazzeschi, oggi è cambiata la mentalità" e "chi si affaccia a questa professione vuole garanzie". Queste garanzie sarebbero "stipendi più alti, turni regolamentati, percorsi di crescita. In cambio del sacrificio di tempo, i giovani chiedono certezze e gratificazioni. In effetti prima questo mestiere era sottopagato, oggi i ragazzi non lo accettano".

326 CONDIVISIONI
Paura sulla Prenestina: 27enne si arrampica sul tetto di un palazzo, messo in salvo dai carabinieri
Paura sulla Prenestina: 27enne si arrampica sul tetto di un palazzo, messo in salvo dai carabinieri
Sigaretta elettronica esplode in tasca all'improvviso: un ragazzo ustionato
Sigaretta elettronica esplode in tasca all'improvviso: un ragazzo ustionato
Gabriele Visco arrestato, Invitalia: "Licenziato perché faceva lobbying"
Gabriele Visco arrestato, Invitalia: "Licenziato perché faceva lobbying"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views