Perché le “coppiette” si chiamano così?

Vi siete mai chiesti perché le “coppiette” portano questo nome? Non stiamo parlando decisamente di un cibo romantico o particolarmente elaborato, anzi. Ma di un alimento caratteristico dei Castelli Romani che veniva consumato più di cento anni fa dai contadini in mezzo ai campi e che ancora oggi è capace di conquistare il palato delle persone.
A cura di Natascia Grbic

Tutti quanti le conosciamo e tutti quanti – almeno una volta nella vita – gli abbiamo dato un bel morso. Stiamo parlando delle intramontabili "coppiette", le strisce di carne essiccate color rosso fuoco cosparse di finocchio, pepe e peperoncino. Si possono comprare nelle fraschette di Ariccia, o anche nei banchi dei mercati rionali di Roma. Quando e come mangiarle? Quando vi pare: le coppiette non sono fatte per essere consumate a tavola, come antipasto, contorno o accompagnamento. Certo, nessuno vi vieta di inserirle nel vostro menù. Ma è tradizione consumare questo alimento non perché si ha fame, ma perché è buono e spezza i pasti. Le coppiette non si mangiano seduti al ristorante, ma in mezzo alla strada mentre si cammina. Non vanno tagliate con coltello e forchetta (sacrilegio!) ma strappate a morsi con tutta la forza del vostro apparato dentale. In pubblico, ovviamente.

L'origine del nome delle coppiette

Vi siete mai chiesti perché le coppiette si chiamano così? Non perché sono un cibo romantico – nonostante di questo si possa ovviamente discutere – ma per la loro particolare preparazione. La carne, infatti, viene legata in coppia con un filo a lasciata essiccare anche diversi mesi, in modo da durare di più durante l'inverno (oggigiorno la preparazione può essere più veloce grazie al forno). È sempre stato un alimento molto povero, usato soprattutto dai soldati che erano soliti portarle nelle bisacce, dai contadini che lavoravano i campi, dai butteri e dai pastori. Un tempo le coppiette venivano preparate facendo essiccare la carne di cavallo, ma oggi è molto più semplice trovare quelle di suino o bovino. Sono un alimento caratteristico dei Castelli Romani, ma diffuso in tutto il Lazio. Attenzione però a una cosa: le coppiette sono salate, molto salate. Quindi non è consigliabile mangiarle senza berci qualcosa accanto. Acqua? Meglio del vino, soprattutto se rosso.

Si fingono Spada e Casamonica per estorcere denaro: "Lo chiamano 'tagliadita', te le stacchiamo"
Si fingono Spada e Casamonica per estorcere denaro: "Lo chiamano 'tagliadita', te le stacchiamo"
La classifica 2021 delle 100 pizzerie migliori d'Italia: ecco le 11 di Roma
La classifica 2021 delle 100 pizzerie migliori d'Italia: ecco le 11 di Roma
Varriale si difende: "Accusa false, ho chiarito mia posizione. Chi mi conosce sa che non sono così"
Varriale si difende: "Accusa false, ho chiarito mia posizione. Chi mi conosce sa che non sono così"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni