719 CONDIVISIONI
News su Omicidio Emanuele Morganti
23 Giugno 2021
20:12

Omicidio Emanuele Morganti: mamma Lucia morta senza avere giustizia

A breve verrà fissata la data per la sentenza di Cassazione nel processo per l’omicidio di Emanuele Morganti, il 20enne morto a seguito di un pestaggio all’esterno di un locale ad Alatri, con tre imputati per omicidio preterintenzionale. Sua mamma Lucia Pica è morta prima che venisse fatta giustizia.
A cura di Alessia Rabbai
719 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
News su Omicidio Emanuele Morganti

La mamma di Emanuele Morganti è morta prima della sentenza di Cassazione. Lucia Pica, donna combattente, non ha potuto assistere all'esito del processo per la morte del figlio ucciso a vent'anni ad Alatri, che vede imputati per omicidio preterintenzionale Michele Fortuna, Paolo Palmisani e Mario Castagnacci. La donna è deceduta dopo una lunga malattia, prima che venisse fissata la data nella quale la Suprema Corte si esprimerà in maniera definitiva sul caso. Una scomparsa che ricorda quella di Guglielo Mollicone, padre battagliero della diciottenne Serena, sparita da Arce il 1 giugno del 2021 e trovata senza vita nel bosco in località Fonte Cupa, il quale, anch'egli malato, è deceduto prima che venisse fatta giustizia per sua figlia.

Tre imputati a processo per omicidio preterintenzionale

Nel processo per l'omicidio di Emanuele Morganti la Corte d'Assise d'Appello del Tribunale di Roma a febbraio scorso ha derubricato per i tre imputati il reato da omicidio volontario a preterintenzionale, riducendo le condanne da sedici a quattordici anni ed ora fuori dal carcere. Secondo i giudici dunque, l'intenzione con la quale agirono Fortuna, Palmisani e Mario Castagnacci non era quella di uccidere. A risultare fatale ad Emanuele sarebbe stato dunque l'urto della testa contro un'auto parcheggiata.

L'omicidio di Emanuele Morganti

I fatti che hanno portato alla morte di Emanuele Morganti risalgono alla notte tra il 25 e il 26 marzo del 2017 e sono avvenuti in piazza Regina Margherita ad Alatri, in provincia di Frosinone. In quel frangente, poco prima della violenza, il ventenne era con la fidanzata e alcuni amici in un locale del posto, all'interno del quale è nata una discussione. I buttafuori lo hanno portato all'esterno della discoteca, dove poi si è consumato il pestaggio. Dalla perizia del medico legale Saverio Potenza, è emerso che il decesso sarebbe sopraggiunto a causa di una frattura delle ossa del cranio, che ha provocato una "gravissima emorragia cerebrale", probabilmente causata dall'impatto contro una superficie, avvenuto mentre il giovane cercava di scappare.

719 CONDIVISIONI
51 contenuti su questa storia
Omicidio di Emanuele Morganti, pene ridotte in appello: 3 condanne a 14 anni e un'assoluzione
Omicidio di Emanuele Morganti, pene ridotte in appello: 3 condanne a 14 anni e un'assoluzione
Un anno dall'omicidio di Emanuele Morganti, ma la verità sulla morte del 20enne ancora non c'è
Un anno dall'omicidio di Emanuele Morganti, ma la verità sulla morte del 20enne ancora non c'è
Omicidio Emanuele Morganti, una petizioni online per chiedere giustizia
Omicidio Emanuele Morganti, una petizioni online per chiedere giustizia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni