1 Marzo 2022
8:47

Morte Cranio Randagio, il video in aula: “Lo filmavano e ridevano mentre stava già male”

Nuova udienza del processo per la morte della promessa della musica Cranio Randagio, nome d’arte di Vittorio Andrei, morto a 21 anni dopo una festa dove aveva consumato stupefacenti. A processo tre amici del giovani.
A cura di Redazione Roma

Mentre Cranio Randagio moriva c'era chi, alla festa, lo filmava. I ragazzi che erano con lui quella sera non avevano forse capito che il 21enne stava davvero male per l'alcool e le sostanze stupefacenti assunte. Quell'ultima sera della promessa del rap italiano, quel giovane con i dreadslock biondi che aveva convinto pubblico e giudici a X Factor, respirava "agonico" nel letto dove si era sdraiato e diversi ragazzi attorno a lui ridevano e riprendevano con il cellulare. È quanto emerso ieri nell'udienza per la morte di Vittorio Andrei, avvenuta nella notte tra l'11 e il 12 novembre del 2016.

Il medico legale Antonio Oliva nel corso dell'udienza ha confermato la causa del decesso  – come riportato dal quotidiano il Messaggero –  per "crisi cardiorespiratoria da intossicazione acuta da stupefacenti". E ha confermato che in un caso simile è "possibile che in un quadro del genere si possa manifestare un respiro agonico" che potrebbe essere confuso con "un forte russare".

I tre ragazzi messi sotto accusa

Sotto processo c'è Francesco Manente, che deve rispondere dell'accusa di aver portato alla festa in zona Balduina lo stupefacente assunto anche dal giovane musicista, e di morte in conseguenza di altro reato. Alla sbarra altri due giovani, che avrebbero coperto l'amico nelle dichiarazioni rese alle forze dell'ordine nel tentativo di evitargli un'accusa e ora devono rispondere del reato di favoreggiamento. Tra loro c'è anche il padrone dell'appartamento dove si è tenuta la festa, un ex compagno di classe di Vittorio che quel giorno festeggiava 22 anni.

Il processo per la morte di Cranio Randagio

Obiettivo dell'accusa è ricostruire non solo chi ha introdotto la droga alla festa, ma quando Vittorio si è sentito male e se i suoi amici hanno fatto di tutto per salvarlo. Per questo particolare attenzione è data a tempistiche e tabulati telefonici. Il tragico dubbio è che il giovane si sarebbe potuto salvare e che il ritardo nel chiamare i soccorsi da parte degli altri ragazzi presenti sarebbe stato fatale. Il padrone di casa e un altro amico hanno raccontato che quando si sono svegliati Vittorio dormiva, di aver dato una sistemata all'appartamento e di essersi poi rimessi a dormire.

Morte Cranio Randagio: in aula parla l'amico imputato, ma dice di non ricordare praticamente nulla
Morte Cranio Randagio: in aula parla l'amico imputato, ma dice di non ricordare praticamente nulla
Zelensky all’Occidente: “Se avessimo le vostre armi la guerra sarebbe già finita, Mosca è il male”
Zelensky all’Occidente: “Se avessimo le vostre armi la guerra sarebbe già finita, Mosca è il male”
27 di Videonews
Napoli, ragazzo si getta in mare col monopattino elettrico per gioco
Napoli, ragazzo si getta in mare col monopattino elettrico per gioco
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni