Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Un uomo di quarant'anni è stato arrestato ieri dagli investigatori del commissariato Colleferro per i reati di estorsione e atti persecutori nei confronti della sua ex compagna, che lo ha denunciato alla polizia dopo le feste di Natale. Non voleva accettare che lei avesse deciso di lasciarlo, e così le aveva iniziato a rendere la vita impossibile con minacce verbali, aggressioni fisiche, chiamate e messaggi a ogni ora del giorno e della notte, pedinamenti, ecc… Un comportamento ossessivo e violento che l'hanno portata a dover cambiare le sue abitudini di vita, oltre a gettarla in uno stato di profonda ansia per la paura dell'uomo. A quanto si apprende, era stata proprio la paura che le ritorsioni e le vendette potessero aumentare a spingerla a non denunciare inizialmente le violenze. Ma quando queste sono degenerate, ha deciso di andare alla polizia e raccontare tutto.

"Dammi i soldi o ti spezzo le gambe": arrestato 40enne

Dopo le minacce, le chiamate, i pedinamenti, e le botte in strada, l'uomo è arrivato a estorcerle del denaro. "Mi devi dare 2mila euro, altrimenti ti spezzo le gambe", le ha detto. A quel punto la donna, capendo che la situazione sarebbe solo peggiorata, è andata alla polizia per denunciarlo. Gli agenti hanno organizzato un incontro protetto con l'aguzzino nel parcheggio di un supermercato in via Milana a Segni: la donna lo ha chiamato accordandosi per un appuntamento, nel quale gli avrebbe consegnato il denaro. Che, ovviamente, erano state fotocopiate sul lato seriale. Dopodiché è andata all'incontro con l'ex munita anche di un registratore: a controllare che tutto procedesse per il meglio, una squadra di agenti in borghese. Quando il 40enne ha preso la busta col denaro è stato immediatamente arrestato dalla polizia. L'uomo ora si trova ai domiciliari.