12.601 CONDIVISIONI
14 Giugno 2022
21:07

“Lavoro 6 euro netti l’ora”: dopo il servizio Niccolò, archeologo, viene licenziato

“Ieri sera, poche ore dopo che il video del servizio era stato condiviso, ho perso il lavoro. Mi sembra giusto raccontarlo, perché è segno di dove siamo adesso: siamo ricattabili e ricattati”.
A cura di Enrico Tata
12.601 CONDIVISIONI

"La mia paga arriva a 6 euro netti l'ora. Il mio lavoro consiste nel tutelare i beni archeologici che possono essere rinvenuti durante i lavori di edilizia stradale. Lavoriamo come partite Iva e quindi non abbiamo alcun bonus del lavoro autonomo, ma abbiamo tutti malus della partita Iva: non abbiamo tfr, non abbiamo ferie pagate, non abbiamo malattia e non possiamo accedere agli ammortizzatori sociali". Così Niccolò, un giovane archeologo romano intervistato da una giornalista del programma televisivo della Rai ‘Agorà Estate'. Il servizio racconta dei tantissimi lavoratori di musei e siti archeologici italiani costretti a lavorare con uno stipendio bassissimo e senza tutele.

La denuncia di Niccolò: "Dopo il servizio mi hanno licenziato"

Ebbene, Niccolò sarebbe stato licenziato dopo la messa in onda del filmato. "Cioè, naturalmente non licenziato in senso tecnico: dato che lavoro a partita IVA, neppure quell’onore posso permettermi", ha riportato le sue parole l'associazione Mi Riconosci?, che dal 2015 lotta per cambiare la situazione lavorativa del settore culturale in Italia. "Ieri sera, poche ore dopo che il video del servizio era stato condiviso in un grosso gruppo FB di archeologi, sono stato rimosso (senza alcuna comunicazione) dalla chat whatsapp in cui la cooperativa assegnava le commissioni per i vari cantieri. Quindi, ho perso il lavoro. Mi sembra giusto raccontarlo, perché è segno di dove siamo adesso: siamo ricattabili e ricattati. Non avevo raccontato nulla su quella cooperativa, avevo parlato di un sistema che non va: compensi orari medi intorno ai 6 euro/h, obbligo di aprire la partita IVA per lavorare, lavoro “da libero professionista” che in realtà si configura come lavoro para-dipendente senza diritti. Una cosa che qualsiasi archeologo romano, ma vorrei dire italiano, sa. A quanto pare però si può sapere, si può fare, ma non si può dire".

12.601 CONDIVISIONI
Parla Niccolò, archeologo licenziato dopo aver detto di guadagnare 6 euro l’ora:
Parla Niccolò, archeologo licenziato dopo aver detto di guadagnare 6 euro l’ora: "Sfruttati da coop"
Niccolò, l’archeologo licenziato dopo aver detto di prendere 6 euro l’ora:
Niccolò, l’archeologo licenziato dopo aver detto di prendere 6 euro l’ora: "Subivamo pressioni"
157.818 di Lorenzo Sassi
Napoli, rifiuta lavoro da 70 euro a settimana e le rispondono che
Napoli, rifiuta lavoro da 70 euro a settimana e le rispondono che "i giovani non vogliono lavorare"
301.422 di Carmine Benincasa
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni