Un ragazzo di 26 anni è morto in un incidente stradale avvenuto a Ostia lunedì notte, 3 maggio. Christian Avenali, questo il nome della vittima, stava rientrando a casa intorno alla mezzanotte dopo aver trascorso una serata al ristorante in compagnia di alcuni amici. Il drammatico sinistro stradale si è verificato in via Canale della Lingua, all'altezza dell'incrocio con via Epaminonda, tra i quartieri di Stagni di Ostia e Casal Palocco. Al momento dell'incidente il ragazzo era solo alla guida della sua auto, una Volkswagen Polo grigia. Da quanto si apprende non risultano coinvolti altri veicoli e pare che Christian abbia improvvisamente perso il controllo della macchina, finendo nel canale.

L'ultima serata con gli amici prima dello schianto

Prima del tragico epilogo, Christian Avenali era a cena con alcuni amici in un noto ristorante di Ostia. "Non ero con lui a cena lunedì -racconta Simone, sotto shock per la perdita dell'amico di ventisei anni, cameriere con una grande passione per lo sport e la musica – Christian era un ragazzo speciale e pieno di vita". L'incidente è avvenuto intorno a mezzanotte, quando il giovane ha perso improvvisamente il controllo della sua Volkswagen Polo grigia. L'impatto è stato così violento che la macchina si è ribaltata finendo in un canale adiacente alla strada. Sul posto è intervenuto il personale medico del 118 che ha tentato invano di rianimare il ragazzo. Christian è morto poco dopo la corsa al pronto soccorso all'ospedale Grassi. Sono in corso le indagini da parte degli agenti del X gruppo Mare per capire le cause che hanno provocato l'incidente. Si attendono i risultati dell'autopsia sul corpo della vittima mentre la sua auto è stata sequestrata dai caschi bianchi per eseguire una perizia.

Incidenti stradali a Roma: 8 morti in 6 giorni

Una scia di sangue senza fine sulle strade della Capitale. Sale a otto il numero delle vittime in soli sei giorni. Secondo il report della polizia Locale, dall'inizio dell'anno sono morte su strada venticinque persone. Lo stesso bilancio del 2020, anche se bisogna considerare i due mesi di pieno lockdown in cui non ci si poteva spostare. Nel 2019 le vittime per incidente stradale, nello stesso periodo dell'anno, sono state trentotto. Drammatici i dati dei pedoni coinvolti: dieci tra gennaio e maggio dello scorso anno. L'ultimo investimento è avvenuto domenica scorsa, 2 maggio: un senzatetto è stato travolto da una Fiat Panda su viale Palmiro Togliatti, nella periferia di Roma. Lo stesso giorno arrivava la notizia della morte di Elena Baruti,  che a lottato per tre giorni in terapia intensiva dopo essere stata investita da un'auto sulla Nomentana. Il comando Generale della polizia Municipale ha già disposto maggiori controlli e rafforzato i presidi nelle strade ad alto scorrimento, da via Casilina a via Prenestina, fino alla Colombo.