Un anno fa moriva Noemi Magni, la giovane di 27 anni uccisa da una tromba d'aria in via Coccia di Morto a Focene. A ricordarla, non solo i familiari distrutti dal dolore, ma anche il sindaco di Fiumicino Esterino Montino, dove la ragazza risiedeva. "Ricorre oggi il primo anniversario della tragica scomparsa della giovane Noemi Magni – ha dichiarato il sindaco – Quella notte di un anno fa, la terribile tromba d'aria che si è abbattuta su Focene, la strappava all'amore della sua famiglia e dei suoi amici. Un fatto terribile, che ha commosso tutta la città, stretta attorno al padre, alla madre e alla sorella di Noemi in un abbraccio caloroso che ha, forse, alleviato un po' il dolore causato da quella scomparsa. Voglio mandare alla famiglia Magni il mio abbraccio affettuoso: la memoria di Noemi resterà patrimonio della nostra città e di tutti coloro che percorreranno la pista ciclabile a lei intitolata".

La morte di Noemi, investita da una tromba d'aria

Noemi Magni è morto nella notte tra sabato 27 e domenica 28 luglio quando una tempesta violentissima si è abbattuta sul Lazio. Quella sera Noemi era andata a comprare le sigarette, quando ha visto una tromba d'aria che stava per abbattersi su di lei. La giovane è corsa verso la sua Smart, speranzosa di trovare riparo. Così non è stato purtroppo, il vento era così forte che ha investito la vettura scaraventandola contro il guardrail. A trovare e soccorrere Noemi è stato il padre: ha provato a rianimarla con un defibrillatore che teneva nel suo stabilimento balneare, ma non ci è riuscito. La giovane è morta praticamente sul colpo a causa delle gravi ferite riportate.