Un ragazzo di 19 anni è stato aggredito da un gruppo di giovani nel tardo pomeriggio di sabato 14 novembre in via Nomentana. Secondo quanto riportato dalla vittima agli agenti di polizia intervenuti, il branco lo avrebbero aggredito per portargli via il cappello. Erano in sette, uno dei quali armato di coltello. Ne è nata una colluttazione, forse il ragazzo non voleva dare agli aggressori il cappello, o forse quelli, forti della propria superiorità numerica, hanno deciso comunque di attaccarlo fisicamente. E il 19enne, infatti, è stato portato in ospedale al Policlinico in codice giallo con delle ferite da taglio alle mani. Segno che molto probabilmente si è difeso, cercando di fermare il coltello o di strapparlo dalle mani dell'aggressore. Fortunatamente la vittima non ha riportato lesioni gravi, ed è stato ricoverato in codice giallo al Policlinico Umberto I. I sette che lo hanno attaccato si trovano ancora a piede libero: dopo aver ferito il ragazzo sono scappati e hanno fatto perdere le proprie tracce. Sull'aggressione indagano gli agenti del distretto Fidene – Serpentara.

Aggredita da due ragazzine nel parco Sannazzaro

Non è la prima volta che nella zona di Montesacro/Nuovo Salario accadono aggressioni di questo tipo. Altri giovanissimi avevano denunciato di essere stati aggrediti da ragazzini che volevano sfilargli il cellulare, la catenina o il portafoglio. Giovedì scorso invece, a essere brutalmente picchiata è stata una donna. Si trovava nel parco Sannazzaro quando nell'area bimbi ha notato due adolescenti con un cane simil pitbull lasciato libero, senza guinzaglio. Avendo paura dei cani, ed essendo anche insieme ai suoi gatti (tenuti chiusi nel trasportino) ha chiesto alle due di legarlo. Non si sarebbe aspettata minimamente la reazione avuta dalle due, che le si sono avventate contro, pestandola per circa un minuto. La donna, che ha sporto denuncia, ha riportato la frattura di una costola e un trauma cranico. Anche in questo caso, le due sono scappate e non sono state ancora identificate.