Elezioni comunali Roma 2021
14 Ottobre 2021
22:22

Ballottaggio Roma: nuovo confronto tv tra Michetti e Gualtieri

I due candidati sindaco di Roma Enrico Michetti e Roberto Gualtieri stasera si sono confrontati nel secondo dibattito televisivo in diretta su Sky TG24 condotto dal giornalista Fabio Vitale sugli svariati temi che riguardano la Città Eterna, in vista del ballottaggio in programma il 17 e 18 ottobre.
A cura di Alessia Rabbai
 
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni comunali Roma 2021

Enrico Michetti e Roberto Gualtieri si sono sfidati in un nuovo duello tv a Sky TG24 che è andato in diretta stasera a partire dalle 20.30 anche in chiaro sul canale 50. Si tratta del secondo confronto televisivo dopo quello della scorsa sera a Porta a Porta su Rai 1, quando sono stati ospiti da Bruno Vespa. I due candidati sindaco di Roma si sono confrontati in un dibattito condotto dal giornalista Fabio Vitale sugli svariati temi che riguardano la Città Eterna, in vista del ballottaggio in programma il 17 e 18 ottobre. La trasmissione li ha visti impegnati in un domanda e risposta con regole ben definite che prevedono per entrambi lo stesso format e tempi a disposizione, con possibilità di replica e di rivolgere un appello finale agli elettori.

Obbligo Green Pass

Sul tema del Green Pass obbligatorio sui luoghi di lavoro a partire dal 15 ottobre Michetti pensa che "è una misura che sta adottando il Governo, il sindaco di Roma non può fare nulla di diverso". Gualtieri crede che la certificazione verde è uno strumento indispensabile per contrastare la pandemia "sostengo le misure del Governo e condivido la sua applicazione nei luogi di lavoro".

Assalto alla Cgil

Gualtieri ha annunciato che sarà alla manifestazione dei sindacati di sabato e ha criticato i "comportamenti folli attuati dagli squadristi alla sede Cgil e al pronto soccorso del Policlinico di Roma". Michetti ha detto invece che "bisogna rispettare il silenzio. Altro che fascismo, la condanna dovrebbe essere rivolta nei confronti di ogni totalismo e ciò che offende la libertà".

Astenuti e appello agli elettori di Calenda e Raggi

Michetti cercherà di attirare verso il centrodestra gli astenuti registrati in particolare nelle periferie spiegando che "istituiremo l'assessore alle periferie, figura dalla quale ripartire con sicurezza, asili nido, luoghi della cultura e lavoro". Per Gualtieri l'astensionismo è "un brutto segnale causato dalla politica che ha dimenticato la dimensione della partecipazione e dell'ascolto". E sull'appoggio di Calenda ha detto: "Sono contento che mi voterà, condividiamo principi come l'antifascismo" mentre Michetti è convinto che "molte parti del programma di Calenda sono vicine a noi, come il decoro urbano".

Rifiuti e cinghiali

Sul tema rifiuti Michetti ha detto che avvierà una "task force per ripulire la città dal degrado con siti di stoccaggio, tolleranza zero su forme di accattonaggio. Gli impianti servono e ne avvieremo la pianificazione". Dell'urgenza di impianti a Roma è convinto anche l'avversario: "Punteremo a costrire i necessari per l'economia circolare e serve pulizia immediata della città". Gualtieri annuncia inoltre politiche di contenimento e abbattimento dei cinghiali in sinergia con la Regione Lazio.

Trasporti

Per Michetti "le piste ciclabili pericolose vanno rimosse, dove si possono fare vanno fatte". I monopattini "hanno bisogno di regolamentazione". Per Gualtieri serve potenziare il trasporto pubblico con metropolitane, ferrovie urbane e autobus.

Turismo e rilancio di Roma

Sul turismo e rilancio di Roma Michetti punta a "ridare alla Capitale i grandi eventi", mentre Gualtieri pensa ad "una figura apposita per gestire il turismo di qualità e valorizzazione delle bellezze della città".

Clan mafiosi

Per quanto riguarda invece i clan Michetti spiega che urge "sgomberare le case popolari occupate dalle famiglie mafiose" mentre Gualtieri pone l'attenzione sul "combattere la mafia creando lavoro".

389 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni