128 CONDIVISIONI
Triplice omicidio a Prati (Roma)
21 Novembre 2022
8:00

Ancora senza nome né identità le due escort cinesi uccise da Giandavide De Pau a Prati

Sulle app e sulle chat di incontri si facevano chiamare Anna e Sofia: Sappiamo soltanto questo delle due escort uccise venerdì da Giandavide De Pau a Roma.
A cura di Enrico Tata
128 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Triplice omicidio a Prati (Roma)

Sulle app e sulle chat di incontri si facevano chiamare Anna e Sofia e si prostituivano in un appartamento di una palazzina di via Augusto Riboty, a pochi passi da piazza Mazzini e da piazzale Clodio, sede del tribunale di Roma. Cinquanta euro, il costo della prostituzione. Sappiamo soltanto questo delle due escort uccise venerdì da Giandavide De Pau, 51 anni, per qualche tempo guardaspalle del boss Michele Senese. Per il momento il loro vero nome rimane un mistero e nessuno si è fatto avanti per reclamare i loro corpi. La loro identità resta totalmente sconosciuta, dalla comunità cinese non è arrivata alcuna risposta positiva e neanche dall'ambasciata.

Quali sono i veri nomi delle due escort cinesi uccise a Prati

La prima mossa degli investigatori è stata quella di chiedere conto all'intestatario dell'appartamento, che potrebbe aver rivelato i veri nomi delle due escort, o almeno quelli che le due avevano dichiarato. Non sono stati ritrovati i loro documenti, quindi anche le informazioni eventualmente rese dal titolare dell'alloggio dovranno essere verificate ed è possibile che l'abitazione sia stata subaffittata. La seconda mossa è stata quella di cercare di identificare il loro datore di lavoro, che però ha tutto l'interesse a fare in modo che della vicenda si parli il meno possibile per continuare la sua attività.

Le piste seguite dagli investigatori

Secondo quanto ricostruito dal Messaggero, la più anziana delle due cinesi viveva nella palazzina di via Riboty da molto tempo e la più giovane, invece, era arrivata da poco. Le regole non scritte delle case di appuntamenti prevedono cambi molto frequenti tra le ragazze, in modo da non destare sospetti nelle forze dell'ordine. Per gli investigatori, inoltre, potrebbe esserci un collegamento tra l'appartamento dove esercitavano le due escort e un centro di massaggi cinesi che si trova sulla stessa via. L'ipotesi è che entrambe le attività siano gestite dalla stessa persona e che, quindi, l'identità delle vittime possa essere stata registrata nelle carte del locale su strada. Anche questa pista, però, deve ancora trovare conferme. Per ora, c'è soltanto una certezza: le due donne cinesi uccise barbaramente a coltellate ancora non hanno un nome e la loro identità resta a tutt'oggi un mistero.

128 CONDIVISIONI
33 contenuti su questa storia
Giandavide De Pau aggedì un barista:
Giandavide De Pau aggedì un barista: "Mi ha preso a pugni in faccia, non ci vedevo più"
Blitz femminista a Prati per le donne uccise da De Pau:
Blitz femminista a Prati per le donne uccise da De Pau: "Diamo voce a chi non ce l'ha"
Triplice omicidio a Prati, le vittime uccise con 50 coltellate: i risultati dell'autopsia
Triplice omicidio a Prati, le vittime uccise con 50 coltellate: i risultati dell'autopsia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni