Un ragazzo di 16 anni è stato arrestato dopo aver accoltellato i padre. Secondo quanto ricostruito finora il minore si sarebbe messo in mezzo a un furibondo litigio tra i genitori, intervenendo per difendere la madre. Così ha afferrato un coltello da cucina e ha sferrato un fendente nei confronti del genitore. L'uomo, 37 anni, è stato soccorso ed è ricoverato in gravi condizioni e si trova tutt'ora in prognosi riservata. La scena, drammatica, si è consumata davanti agli occhi della mamma e del fratello minore del 16enne.

Trasferito d'urgenza in ospedale il 37enne è stato operato

Da quanto emerso l'uomo – di mestiere muratore – avrebbe spintonato il ragazzo contro una porta a vetri quando il 16enne aveva tentato di fermarlo, mandandola in frantumi. Così il giovane ha afferrato il coltello colpendo il padre per ben due volte all'addome. Due ferite profonde. Quando il personale del 118 è giunto sul posto ha trovato l'uomo steso in terra in una pozza di sangue e privo di conoscenza. Trasferito d'urgenza all'ospedale di Anzio, dove è arrivato dopo aver perso molto sangue, si trova qui tutt'ora ricoverato. Operato gli è stata asportata la milza.

Le indagini si concentrano sul contesto familiare

Nella villetta di Ardea sono arrivati anche i carabinieri che hanno arrestato il ragazzo, che al momento risulta indagato per tentato omicidio. Rimane ancora da chiarire il contesto in cui i fatti sono avvenuti, sicuramente il contesto familiare era difficile e costellato da violenti litigi tra i due coniugi, ma violenze dell'uomo nei confronti della donna e dei figli devono essere ancora essere documentate. Il 16enne è stato condotto nel centro di accoglienza minorile di via Virginia Anelli, in attesa di essere ascoltato dal giudice.