A Roma si combatte il cambiamento climatico coltivando 100.000 alberi per i boschi di domani

100 mila piantine stanno crescendo nell’ombraio della struttura Crea e diventeranno i nuovi alberi della Capitale.
A cura di Simona Berterame
1.608 CONDIVISIONI
Immagine

Nella periferia Nord Ovest della Capitale, appena fuori dal Gra, stanno crescendo i boschi del futuro. Nell’ombraio della struttura Crea (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria) nel quartiere Casalotti di Roma stanno crescendo 100 mila piantine destinate a diventare i nuovi boschi di domani. Si tratta del progetto "Vivi 4 Roma" reso possibile grazie all’accordo siglato tra l’assessorato all’Ambiente guidato da Sabrina Alfonsi e il Crea. "Insieme, stiamo riattivando l’ex Ovile per creare un vivaio sperimentale, parte di un accordo triennale per rilanciare il patrimonio agroforestale romano. Questo progetto non solo mira a produrre piante, ma anche a promuovere la ricerca scientifica e la sensibilizzazione ambientale. Le piante autoctone, come querce e sempreverdi, saranno messe a dimora per adattarsi ai cambiamenti climatici e valorizzare la biodiversità locale. Il nostro obiettivo è creare una città più resiliente agli impatti ambientali" ha spiegato in un post su Instagram alcuni giorni fa l'Assessora all'agricoltura, ambiente e ciclo dei rifiuti Sabrina Alfonsi. Un progetto, si legge sul sito del Crea,  che ha l’obiettivo di migliorare la sostenibilità ambientale e la salvaguardia del verde urbano attraverso studi e ricerche per la valorizzazione dell’attività vivaistica in ambito di forestazione urbana, nonché di individuare e sperimentare materiale vivaistico forestale per la città di Roma, adeguato alle esigenze del sistema del verde cittadino, tenuto conto del cambiamento climatico e degli agenti inquinanti, e di sperimentare il coinvolgimento di cittadini ed associazioni in iniziative rivolte alla vivaistica forestale e alla forestazione urbana.

I nuovi boschi urbani

Ad accompagnarci all'interno del parco della Cellulosa dove sorge l'ombraio, è il tecnologo Crea Giuseppe Pignatti. Lui è uno degli esperti che curerà questi mesi il progetto che consiste non solo nella cura delle giovani piante ma anche nella scelta di quali specie coltivare e quali no. La decisione non è ovviamente casuale ma dettata dal cambiamento climatico. "Gli alberi dei piccoli boschi cittadini dovranno essere più resistenti a periodi di grande siccità ma anche alle ormai note bombe d'acqua – ci spiega Pignatti -e questa sarà la vera sfida per noi, ovvero far crescere la vegetazione adatta ad una città sempre più calda".

1.608 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views