Nuovo pesante atto di accusa contro la Birmania per il caso del popolo dei Rohingya, la minoranza etnica e religiosa da tempo nel mirino delle autorità locali che l'accusano di terrorismo. Secondo due alti funzionari delle Nazioni unite che si occupano della minoranza in fuga dalle violenze, infatti, l'esercito birmano sarebbe responsabile della morte di oltre mille persone di etnia Rohingya, tutte uccise durante l'offensiva dei militari lungo il confine , partita nell'autunno scorso con la giustificazione di voler porre fine alle azioni di guerriglia dei gruppi locali.

I due funzionari delle Nazioni Unite, citati da Reuters ma sotto anonimato, ribadiscano quanto già sostenuto da molti nella comunità internazionale e da diverse Ong additando come "pulizia etnica" quello che sta avvenendo in Birmania sulla base di denunce di cittadini del posto. Secondo le stesse fonti, infatti, dall'inizio delle operazioni militari contro i Rohingya, oltre 70mila persone sarebbero state costrette a fuggire dai loro villaggi, nel nord dello stato occidentale di Rakhine, in quella che sembra un vera e propria deportazione a scopo di segregazione.

Secondo i funzionari Onu citati dall'agenzia di stampa, le cifre ufficiali delle vittime dell'operazione militare fatte dal governo sono nettamente sottostimate. Il portavoce presidenziale birmano Zaw Htay, interpellato dalla Reuters, ha confermato però che sulla base dei rapporti dei comandanti militari che operano nella zona, le vittime sarebbero non più di 100, uccise in un'operazione di contrasto alla guerriglia che attaccava posti di polizia sul confine.

Come mostrano diversi video diffusi online, le violenze contro il popolo Rohingya, già definito dall'Onu tra le popolazioni più perseguitate al mondo, ormai nell'area sono all'ordine del giorno.  Le Nazioni Unite hanno identificato le operazioni militari come una "repressione generalizzata e sistematica" che si è trasformata in una "pulizia etnica" e "molto probabilmente" in crimini contro l'umanità. In un rapporto dell’Alto Commissariato Onu per i Diritti umani si racconta di distruzione di villaggi con il fuoco, spostamento coatto della popolazione, uccisioni di civili compresi bambini, sparizioni e stupri da parte dell'esercito nell'impotenza  del debole governo birmano.