512 CONDIVISIONI
Coronavirus
30 Ottobre 2020
16:35

Test rapidi si potranno fare anche da medici di base e pediatri: ok da Conferenza Stato-Regioni

I test rapidi antigenici potranno essere effettuati anche da medici di base e pediatri. Via libera dalla Conferenza Stato-Regioni: “Ora possiamo dare il via alla fase operativa dell’Accordo per l’esecuzione dei test rapidi di accertamento del Covid da parte dei medici di medicina generale e dei pediatri”, ha detto il presidente dell’Emilia-Romagna Stefano Bonaccini.
A cura di Annalisa Cangemi
512 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Più tracciamento e più tamponi, per provare a frenare l'avanzata dei contagi da Covid-19. I test antigenici rapidi saranno effettuati anche dai medici di base. "Con la ratifica in sede di Conferenza Stato-Regioni di oggi, ora possiamo dare il via alla fase operativa dell'Accordo per l'esecuzione dei test rapidi di accertamento del Covid da parte dei medici di medicina generale e dei pediatri", ha dichiarato il Presidente della Conferenza delle Regioni e presidente dell'Emilia-Romagna Stefano Bonaccini.

Si tratta di un passaggio fondamentale, prosegue Bonaccini, "per far partire il rafforzamento e il potenziamento delle attività di prevenzione e controllo del contagio in modo più capillare sul territorio". Il presidente ha voluto rinnovare "il ringraziamento ai sindacati e a tutti coloro che hanno permesso di arrivare a questi Accordi Collettivi Nazionali per contrastare la diffusione del Covid-19 e consentire l'effettuazione dei test antigenici rapidi ai MMG e PLS" e ha assicurato che si sta già procedendo con la verifica dei quantitativi e delle modalità di distribuzione dei test: "Infatti in collaborazione con il Ministero della Salute e l'Agenas sono già stati avviati in contemporanea i Tavoli tecnici che si occuperanno della quantificazione dei fabbisogni e della distribuzione dei test antigenici".

La notizia è stata confermata anche dal commissario per l'emergenza Covid 19 Domenico Arcuri, ospite a Sky Tg24: "Le persone che ricevono la notizia di essere un cosiddetto contatto stretto in prossimità di un contagiato debbono avere la possibilità – ha detto Arcuri – di rivolgersi al loro medico e il medico deve avere la possibilità di far loro un test rapido. Dalla prossima settimana ciò accadrà: abbiamo comprato 10 milioni di test molecolari antigenici che li distribuiremo alla medicina del territorio. I medici di base dovranno essere nelle condizioni di fare i tamponi come prima non accadeva".

"Ai medici rivolgo anche l'appello affinché possano curare il più possibile i loro pazienti a casa. Se riusciamo ad evitare che per andare in isolamento domiciliare il potenziale contagiato debba andare in ospedale ma si curi a casa in numero sempre maggiore riusciamo a dare un importante contributo all'alleggerimento della pressione sugli ospedali".

Cosa sono i test rapidi antigenici

I test antigenici rapidi sono stati utilizzati inizialmente negli aeroporti, e poi anche nelle scuole. In alcune città, come Palermo, sono stati allestiti appositi drive-in. Nel capoluogo siciliano lo screening di massa per tracciare i positivi al Covid-19, è partito questa mattina alla Fiera del Mediterraneo. "Non c'è alternativa – spiega il sindaco Leoluca Orlando – perché il banco dei controlli dei contagi è saltato, le Asp non sono in condizioni di fare verifiche puntali secondo le indicazioni, la gente lamenta ritardi e protesta. Quindi abbiamo deciso di procedere a uno screening di massa. La conseguenza sarà che nei prossimi giorni sulla stampa aumenterà il numero dei contagiati a Palermo, ma diminuirà la pressione sugli ospedali".

I test si effettuano con una sorta di cotton fioc per il prelievo, come quello utilizzato per il tampone. Ma la differenza sta nel metodo di accertamento della presenza del virus e soprattutto nei tempi: con questi test la risposta arriva in 20-30 minuti, con un normale tampone sono necessarie dalle 24 alle 48 ore. Dopo alcuni minuti arriva quindi l'esito, e in casi di positività si procede al tampone molecolare per confermare il contagio. Aumentando il numero dei controlli, e con risultati più rapidi, si cercherà di rallentare l'andamento dei contagi.

512 CONDIVISIONI
27179 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni