Secondo l'ultimo sondaggio realizzato da Emg Acqua, presentato oggi ad Agorà, il programma condotto da Serena Bortone su Raitre, se si votasse oggi la Lega sarebbe ancora il primo partito con il 32,5%, seguito dal Pd al 19,5% e dal M5s al 16,3%. Subito fuori dal podio c'è Fratelli d’Italia al 10,1%, Forza Italia al 6,9%. Italia Viva è stabile al 5,3%, La Sinistra è data al 1,8%, mentre la neo formazione di Calenda, Azione sarebbe al 1,8%; Più Europa al 1,6%, Europa Verde al 1,2% e all'ultimo posto Cambiamo! (Toti) al 0,9%.

Bassa fiducia nel governo

La fiducia nel governo è scarsa: il 55% degli intervistati ha "poca" o "per nulla" fiducia nell'esecutivo. Solo il 23% degli intervistati invece ne ha "molta" o "abbastanza". Anzi per gran parte dell'elettorato sarebbe meglio tornare al voto. Alla domanda: ‘Aumentano le tensioni nella maggioranza. Secondo lei sarebbe meglio tornare a votare?' Ha risposto, "sì" il 53% degli intervistati, "no" il 32%. Il 15% invece ha preferito non rispondere.

Salvini è il leader che convince di più

È Matteo Salvini il leader che riscuote maggiore fiducia in Italia, con il 40%, seguito da Giuseppe Conte al 32%. Al terzo posto si trova Giorgia Meloni al 30%, e molto indietro si piazza Luigi Di Maio al 22%, a pari merito con Nicola Zingaretti al 22%; seguono Silvio Berlusconi al 18%, Carlo Calenda al 16%, Giovanni Toti al 15% e Matteo Renzi al 14%.

Ancora dubbi sul Mes

Secondo il sondaggio per il 32% degli intervistati le polemiche sul Mes "si basano su concrete criticità", per il 29% le polemiche "sono solo propaganda politica". Il 35% non sa cosa sia il Mes o non è informato. Il 4% preferisce non rispondere. Alla domanda secca ‘Lei ha capito a cosa serve il Mes?' ha risposto “sì” il 41% degli intervistati totali, “no” il 31%. Mentre il 26% ha risposto "non so cosa sia il Mes/non sono informato". Il 2% preferisce non rispondere.

Gli elettori non rimpiangono il finanziamento pubblico ai partiti

Alla domanda ‘Dopo le inchieste sui finanziamenti alla politica, lei pensa che serva tornare al finanziamento pubblico ai partiti?' ha risposto “no” il 57% degli intervistati, “sì” il 22%, mentre il 21% preferisce non rispondere.

La maggioranza vuole che le sardine appoggino un partito

Alla domanda su cosa si aspettino dalla prima Assemblea nazionale del Movimento delle Sardine del 15 dicembre, il 28% degli intervistati ha risposto "continuino così", il 25% che "dichiarino l'appoggio a una parte politica", il 15% che fondino un partito ed il 32% preferisce non rispondere.

L'obbligo del Pos non convince

Alla domanda: ‘Secondo lei andrebbe multato un commerciante che non ha il Pos?' ha risposto no il 54% degli intervistati, sì il 34%. Il 12% preferisce non rispondere.