1.041 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 9 ore fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61394 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 10 ore fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
1 Agosto 2022
12:40

Sondaggi politici, chi vince le elezioni del 25 settembre tra centrodestra e centrosinistra

Il centrodestra unito, secondo il sondaggio politico di Quorum/Youtrend, batterebbe il centrosinistra alle elezioni con qualsiasi formazione. Anche se Letta riaprisse ai 5 Stelle.
A cura di Tommaso Coluzzi
1.041 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Da un lato il centrodestra con uno schieramento ben definito, dall'altro il centrosinistra in costruzione. A meno di due mesi dalle elezioni del 25 settembre, i sondaggi politici continuano a premiare la coalizione di centrodestra, come conferma anche l'ultima rilevazione di Quorum/Youtrend per Skytg24. È interessante soprattutto l'aspetto delle coalizioni: in sostanza il centrosinistra non vincerebbe neanche se si presentasse unito, dal Movimento 5 Stelle a Italia Viva.

Cominciamo dalle intenzioni di voto, svincolate dal tema coalizioni: il 24,2% dice che voterebbe Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni, il 23,4% il Partito Democratico di Enrico Letta, il 13,5% la Lega di Matteo Salvini e il 9,9% il Movimento 5 Stelle di Giuseppe Conte. E ancora: l'8,0% voterebbe Forza Italia di Silvio Berlusconi, il 5,2% la federazione tra Azione e +Europa, il 4,0% la federazione tra Europa Verde e Sinistra Italiana. Italia Viva di Matteo Renzi è al 2,6%, insieme a Italexit di Paragone. Chiudono Insieme per il futuro di Di Maio – che ormai si chiama Impegno Civico – all'1,8% e Noi con l'Italia/Udc allo 0,9%.

Se però andiamo a guardare le coalizioni, le percentuali cambiano. Il centrodestra nella sua forma attuale – che è quella che si presenterà alle elezioni – otterrebbe il 46,0% così distribuito: il 23,9% a Fratelli d'Italia, il 13,3% alla Lega, il 7,1% a Forza Italia, l'1,7% a Noi con l'Italia/Udc. Se il centrosinistra si presentasse con l'alleanza che comprende anche Di Maio, Fratoianni e Calenda – motivo di discussione in queste ore – non andrebbe comunque oltre il 33,2% così distribuito: il 22,6% al Pd, il 4,4% ad Azione e +Europa, lo 0,6% a Sala e Di Maio, il 5,7% a Sinistra Italiana ed Europa Verde. Il Movimento 5 Stelle, in solitaria, otterrebbe il 10,9%, Italia Viva il 2,2%.

Nel secondo scenario, che prevede il centro con Italia Viva, Azione e +Europa, la percentuale ottenuta dalla coalizione di centrodestra salirebbe al 47,6%. Il centro, appunto, otterrebbe il 6,9% (con Calenda e Bonino che prenderebbero meno di Renzi), mentre il centrosinistra si fermerebbe al 28,2%.

Ma anche con un apparentemente impossibile rientro del Movimento 5 Stelle nel campo largo del Pd, le cose non andrebbero molto meglio: il centrosinistra otterrebbe il 36,2%, con il centrodestra che schizzerebbe al 49,0%.

E infine se lo scontro fosse tra i due poli – centrodestra per come lo conosciamo e campo largo del Pd al completo, dai 5 Stelle a Renzi – il centrosinistra perderebbe ugualmente: 42,5% contro il 49,8% del centrodestra.

1.041 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni