Il centrodestra cresce nei sondaggi. E Forza Italia prende il volo crescendo di oltre 1 punto in soli sette giorni. Questo il quadro evidenziato dall'indagine di Euromedia Research, presentata da Alessandra Ghisleri alla trasmissione Porta a Porta. Le ultime tensioni all'interno della coalizione, seguite all'apertura di Silvio Berlusconi verso la maggioranza, sembrano favorire il Cavaliere. Non si può dire lo stesso per gli altri due alleati del centrodestra, che questa settimana si mostrano invece in lieve flessione. E mentre cala anche l'area a sinistra tra le forze di governo, il Movimento Cinque Stelle balza in avanti e raggiunge Fratelli d'Italia. Ma vediamo nello specifico le intenzioni di voto emerse dal sondaggio di Euromedia Research.

La Lega rimane il primo partito nel Paese. Ma, con il 23,8%, registra un calo di 0,2 punti percentuali e si pone ben distante dai livelli delle scorse elezioni europee. In calo anche Fratelli d'Italia, che cede lo 0,1% e scende al 15,5%. All'interno del centrodestra a crescere è Forza Italia, che sale di 1,1 punti percentuali questa settimana e si porta al 6,6%. Dal sondaggio, l'apertura del leader azzurro alla maggioranza di governo, che ha causato non pochi attriti all'interno della coalizione, tra il passaggio di tre deputati al Carroccio e le accuse di Matteo Salvini, avrebbe però premiato proprio Forza Italia. Che con la sua crescita nei sondaggi aumenta ancor più i consensi verso il centrodestra, ormai saldamente davanti alla maggioranza: il primo cresce infatti al 47,1%, mentre l'area di governo scende al 40,9%.

Il Partito democratico risulta infatti in calo questa settimana. I dem perdono 0,4 punti percentuali e vanno al 19,1%. Anche Italia Viva va a ribasso e scende al 3,5%, lasciando per strada sei decimali rispetto alle indagini della settimana scorsa. Cresce invece il Movimento Cinque Stelle, che recupera su Fratelli d'Italia e si porta alla pari con il partito di Giorgia Meloni. Nonostante le diatribe interne emerse con gli stati generali, i pentastellati guadagnano quattro decimali nei sondaggi e arrivano al 15,5%.